Traffico Bologna: come risparmiare tempo e denaro

211 0
211 0

Il traffico Bologna, o meglio sulla tangenziale di Bologna, è da sempre un problema per chiunque debba transitare in quelle zone. D’altro canto si tratta di uno snodo importante, lì si concentrano e si incontrano una serie di arterie importanti per la circolazione viaria italiana.

Inoltre, proprio per risolvere il problema, i dintorni di Bologna sono stati per anni interessati da importanti lavori infrastrutturali il che, come avviene quando vi è un cantiere lungo, ha senza dubbio contribuito a peggiorare – se pur temporaneamente – le condizioni del traffico. Detto questo, per circolare in zona Bologna anche quando il traffico è davvero pesante – per esempio in estate, oppure nel periodo natalizio, quando aumenta il traffico da consegne – qualche escamotage c’è. Vediamo che cosa fare per risparmiare tempo quando il traffico a Bologna non lascia scampo

Evitare il traffico Bologna: l’opzione treno

Freccia Rossa, oppure Italo? A voi la scelta. In funzione degli orari, dei prezzi dei biglietti, delle tariffe scontate e di qualche promozione, si può arrivare e ripartire da Bologna con entrambi i treni appena menzionati. Oltretutto, da quando la stazione di Bologna è stata oggetto di accurata ristrutturazione, viaggiare con l’alta velocità è diventato molto comodo: la stazione è infatti saggiamente suddivisa tra treni veloci e treni regionali, quindi non si può sbagliare.

Certo ci sarà l’obiezione che nella nuova stazione si cammina parecchio – ed è vero – ma è sempre meglio che stare nel traffico. Per coloro per cui, invece, l’opzione treno non è funzionale occorre trovare altre vie per fuggire dal traffico: vediamo quali.

Attenzione agli orari

Di sicuro, se si vuole risparmiare un po’ di tempo (e anche un po’ di soldi, perché non dimentichiamo che il traffico costa), un accorgimento importante è quello di guardare attentamente gli orari. È infatti decisamente sconsigliato immettersi nei pressi di Bologna nelle ore di punta.

Oltretutto, se si entra in città, occorrerà anche fare i conti con le zone a traffico limitato, con i divieti, e con tutte le scocciature del caso. Meglio quindi cercare di viaggiare controcorrente, evitando se possibile il centro città e, anche, la tangenziale. Se proprio non si ha la possibilità di organizzarsi diversamente e l’auto diventa una condizione necessaria, meglio partire prima, onde evitare imprevisti.

Ultima modifica: 14 ottobre 2019