Testa motore auto: che cosa è e come funziona

519 0
519 0

Uno dei componenti del motore dell’auto che forse è meno noto, nonostante sia oltre modo fondamentale è la testa motore auto. meglio nota come testata motore, è il primo elemento che spicca quando solleviamo il cofano, spesso porta il prestigio di un marchio o di un modello importante: quasi sempre le aziende più amate lasciano la loro “impronta” proprio sulla testa che viene forgiata in modo indelebile. In modo molto essenziale e pratico possiamo dire che la testata è la chiusura superiore del motore e forse proprio per questo è stata definita così dai primi meccanici.

Testata motore auto, dove si trova

La testa, oggi realizzata in lega leggera quasi sempre di alluminio ma per diverse decine di anni forgiata con la ghisa, nasconde i cilindri. La testa e il cuore sono vicinissimi, a stretto contatto. Il “coperchio” del motore può essere rimosso in modo abbastanza agevole rimuovendo le viti. Questo è uno dei punti nevralgici del motore per un pezzo apparentemente di pochissimo valore ma di grande importanza: la guarnizione.

Di fatto tra la testa e la parte inferiore del motore la guarnizione è l’unica salvaguardia: se questa è danneggiata, o non aderisce perfettamente, o è stata rimontata male c’è il rischio concreto di una massiccia perdita di olio. Ma quello che vediamo sotto il cofano, come spesso accade, è solo l’aspetto superficiale di una parte decisamente molto più complessa: parlando di un normale motore a quattro cilindri e quattro tempi avremo candele o iniettori, la distribuzione, i pistoni e le camere di scoppio.

Testata motore, a cosa serve

Nella dinamica del motore la testa è un elemento fisso, statico. Gli ingegneri la progettano in funzione delle caratteristiche ben precise di un motore: quello che brucia, come, la sua prestazione, la sua capacità di generare calore e di disperderlo. Va da sé che ogni motore ha la sua testata e non può essere qualcosa di adattato o di ‘sistemato’ perché gli equilibri termodinamici all’interno del motore non potrebbero più essere rispettati.

La testata è un elemento in grado di sostenere le sollecitazioni meccaniche e termiche che in un motore spesso raggiungono livelli esasperati. La testa possiamo dire che è davvero l’elemento più resistente di tutto il motore perché è anche quello più sollecitato. La sua conformazione ottimizza il rapporto di compressione e la combustione nelle camere di scoppio. Dunque una testa, certo… ma con la resistenza e la forza dei piedi che riescono su pochi centimetri quadrati a tenere eretto un corpo di decine di chili.

Ultima modifica: 4 settembre 2019