Tergicristallo ghiacciato, come riparare senza romperlo

483 0
483 0

Mettersi in macchina la mattina per andare al lavoro o per accompagnare i nostri bimbi a scuola e scoprire che il parabrezza è ricoperto da una coltre bianca apparentemente inscalfibile. E non poter nemmeno utilizzare i dispositivi di cui la vettura è dotata per la pulizia del vetro. Una situazione che sarà senz’altro capitata a molti, soprattutto a quanti vivono in località di montagna o semplicemente non hanno un garage. Non lasciamoci prendere dallo sconforto ma studiamo le contromosse per farci trovare pronti e mettere a punto il nostro tergicristallo senza romperlo.

Tergicristallo ghiacciato? Ecco cosa fare

Il rimedio più semplice è spesso anche il più efficace. Uno dei metodi più consigliati per sciogliere velocemente la patina ghiacciata dal parabrezza è riversare gradualmente acqua bollente fino a provocarne lo scongelamento. Se non si tratta di una coltre siberiana, questo accorgimento dovrebbe bastare e in pochi minuti vi permetterà di mettervi in marcia. Va però detto che nelle località più fredde questo metodo potrebbe rivelarsi insufficiente e comunque usurante per le componenti dell’autovettura a causa dell’elevato choc termico.

E’ poi da considerare il disagio di dotarsi di contenitori con acqua bollente da portare in strada. Non a caso le aziende del settore hanno ideato prodotti ad hoc. In commercio possiamo facilmente trovare lo speciale liquido antighiaccio da applicare sulla superficie dei tergicristalli che dovrebbe consentire agli stessi di non restare “incollati” al vetro. E’ la soluzione consigliabile ma non l’unica. Per una opzione “fai da te” si può provare con del semplice alcol e un comune detersivo da piatti da miscelare in soluzione all’interno di uno spruzzino. Distribuito sulla superficie congelata, se non troppo spessa, in genere permette di superare il problema. Ma accanto a tutte le possibili soluzioni elencate, vi suggeriamo vivamente di non dimenticare un fondamentale accorgimento da attuare in contemporanea: con l’auto in folle, accendete il motore e attivate il dispositivo di riscaldamento del parabrezza. Contribuirà senz’altro ad accelerare le operazioni e a ripristiare le funzioni del tergicristallo senza romperlo.

Cosa non fare se il tergicristallo è ghiacciato e altri consigli

Una cosa è certa: se il parabrezza è ghiacciato non ha alcun senso azionare all’impazzata i tergicristalli. L’unico risultato sarebbe assistere all’insuccesso dell’operazione o, peggio, alla rottura del componente. Anche qualora i tergicristalli riuscissero a muoversi, la presenza di aree ghiacciate rischierebbe di farli andare fuori asse, graffiare il vetro, renderli inutilizzabili successivamente. In generale vi suggeriamo poi di non trascurare alcuni semplici accorgimenti che agevoleranno la pulizia dei vostri parabrezza e la funzionalità dei tergicristalli.

Bisogna pulire periodicamente il vetro così da prevenire la concrezione di sporco e ghiaccio. Tenere la vaschetta dell’acqua per il parabrezza sempre piena rende meno facile il congelamento, così come è opportuno versarvi qualche goccia di liquido antigelo. In commercio esistono inoltre prodotti specifici per ammorbidire le spazzole e per rendere scorrevole la superficie del vetro, così da agevolare lo scorrimento del tergicristalli e prevenire rotture.

Ultima modifica: 20 gennaio 2021