Tagliando auto: come cambiano le scadenze

399 0
399 0

Il tagliando dell’auto è una scadenza che non si deve mai dimenticare, poiché sicurezza e efficienza del veicolo potrebbero essere compromessi. Durante il tagliando vengono effettuate una serie di verifiche essenziali per un buon funzionamento dell’auto, a cominciare dall’impianto frenante. Verranno infatti effettuati controlli alle pastiglie dei freni ed ai livelli dell’olio. Nel caso in cui fossero rilevate delle anomalie, prima di portare la propria auto in officina per fare il tagliando, è bene comunicare agli operatori il sospetto, in modo che possano verificare ed eventualmente risolvere il problema. Ma quando andare a fare il tagliando?

Le scadenze tagliando cambiano a seconda dei modelli

Il tagliando non va confuso con la revisione e pertanto non ha una scadenza amministrativa. In altre parole, non c’è una data fissa per il tagliando, la scadenza cambia in base alla casa madre, al modello e al tipo di trazione dell’auto in questione. In ogni caso, si può affermare che in genere il primo tagliando viene fissato allo scadere dei primi 15-20 mila chilometri della vettura, al massimo a 2 anni dall’immatricolazione.

Vi sono auto che vengono utilizzate poco, per esempio che percorrono 5 mila chilometri all’anno perché utilizzate principalmente in città, magari per percorsi brevi, che rischierebbero di essere sottoposte a tagliando ogni 5 o 6 anni, il che non sarebbe salutare. Sono infatti proprio le auto meno utilizzate a meritare maggiore attenzione in termini di assistenza.

Chilometri o età dell’auto?

Qual è il limite temporale e chilometrico per effettuare il secondo tagliando? Di norma si applicano le stesse modalità attuate per il primo check, si procede in base al chilometraggio quando le auto vengono utilizzate spesso, oppure si procede considerando una cadenza biennale se le auto non percorrono molti chilometri.

Ma quanto costa effettuare un tagliando? Anche in questo caso non esiste una risposta uguale per tutte le auto, ma dipende dal modello, dalla casa madre, dall’officina e dalla regione in cui il tagliando viene fatto. Infine, esiste una tipologia di automobilisti che sceglie di eseguire il tagliando “fai da te”, il che può essere un’opzione, ma occorre essere esperti per non rischiare di fare danni e compromettere la sicurezza di macchina e passeggeri.

Ultima modifica: 3 luglio 2020