Spostamenti tra regioni in auto: la normativa

3669 0
3669 0

La date del 3 giugno ha fatto da spartiacque tra la Fase 1 e la Fase 2 dell’emergenza Covid19: da questo giorno è stata ripristinata la libera circolazione e gli spostamenti tra le varie regioni, che sino ad ora erano vietati. 

Libera circolazione si, ma pur sempre con determinate misure di sicurezza sanitaria per contenere il contagio da Covid19, ad oggi ancora presente. Anche chi viaggia in automobile deve rispettare le regole: vediamo come viaggiare in automobile ai tempi del Covid19.

Normativa per viaggiare in auto

Per viaggiare in auto è stata abolita l’autocertificazione che ci ha accompagnato nel primo periodo di chiusura dell’Italia: dal 3 giugno è stato infatti rimosso l’obbligo di giustificare i nostri spostamenti.

La normativa prevede comunque delle regole a cui è necessario attenersi:  

  • Il numero delle persone a bordo del veicolo deve essere limitato: anche all’interno della nostra automobile valgono le stesse regole per evitare gli assembramenti previste nel Dcpm del 17 maggio, valide in qualsiasi luogo;
  • è possibile stare sullo stesso veicolo anche con coloro che non sono conviventi, ma sempre con le dovute precauzioni, indossando quindi la mascherina.

Se in automobile sono presenti persone conviventi, nessun limite al numero per il trasporto e nessun obbligo di indossare la mascherina. Discorso differente per quanto riguarda le persone non conviventi. In questo caso le norme sono più restrittive:

  • obbligo di indossare la mascherina;
  • nei sedili anteriori deve essere seduto solo il guidatore;
  • nei sedili posteriori si possono sedere al massimo due passeggeri, anche qualora il veicolo fosse omologato per 3 persone nei posti posteriori. In questo modo si dovrà lasciare libero il posto centrale così da mantenere le distanze di sicurezza. Nel caso di autovetture a sette posti è possibile trasportare più persone, pur sempre con distanza di almeno un metro dall’uno all’altro;
  • nel caso di sole due persone, guidatore compreso, il passeggero dovrà sedersi nel sedile posteriore e nel lato opposto del guidatore.

Queste le regole da seguire per gli spostamenti in automobile ma in ogni caso, come dicevamo, ci sono alcune deroghe per i conviventi, i quali possono viaggiare tranquillamente, senza rispettare l’obbligo di mascherina o distanziamento. La norma governativa, tuttavia non sembrare essere molto chiara nella definizione di ‘conviventi’. Infatti, con quel termine dovrebbero rientrare le persone che hanno trascorso il lockdown sotto lo stesso tetto, anche se non facenti parte dello stesso nucleo famigliare o che non abbiano la stessa residenza. 

Le sanzioni

In caso di non rispetto della normativa la sanzione è una multa da 533 euro, che scende a 373,34 euro se si paga entro cinque giorni, nei mezzi privati nei quali vi è una violazione dell’obbligo della mascherina, non è invece soggetto a sanzione il mancato distanziamento, che deve però essere rigorosamente rispettato nei mezzi pubblici

 

Ultima modifica: 8 giugno 2020