Sosta in piazzola di servizio, cosa dice la legge

854 0
854 0

Durante un viaggio in automobile può capitare di doversi fermare per qualsiasi motivo: se nelle strade di città basta trovare un parcheggio, nelle autostrade la cosa è un po’ più complicata e occorre trovare una piazzola di servizio. Vediamo cos’è una piazzola di sosta e come comportarsi quando bisogna sostarvi.

Cos’è una piazzola di servizio?

La piazzola di servizio, così come viene definita dal Codice della Strada, è: “Parte della strada, di lunghezza limitata, adiacente esternamente alla banchina, destinata alla sosta dei veicoli”. Ricordiamo che la banchina è una parte della strada, posta tra il margine della carreggiata, vicina ai seguenti elementi: marciapiede, spartitraffico, arginello, ciglio interno della cunetta, ciglio superiore della scarpata nei rilevati.

Quindi, la piazzola di servizio è destinata alla sosta dei veicoli, i quali devono prestare attenzione a posizionarsi correttamente all’interno dell’area delimitata, in modo da non essere da ostacolo per gli altri automobilisti.

Le piazzole di sosta sono segnalate con un elemento verticale che ritrae, su uno sfondo blu, un pannello con un’area laterale stilizzata a forma di trapezio e una linea tratteggiata; questo segnale può essere accompagnato da un altro pannello che indica a quale distanza si trova la piazzola di servizio più vicina.

La durata massima della sosta è di tre ore e la motivazione per effettuarla deve essere legata ad un’emergenza. È vietato sostare per riposarsi o lasciare il proprio veicolo incustodito.

Come comportarsi durante la sosta

Una volta che il guidatore si è fermato nella piazzola di servizio, innanzitutto, deve accendere le quattro frecce per rendersi immediatamente visibile agli altri guidatori. Successivamente, deve scendere dal veicolo, solo dopo essersi assicurato che non stiano passando altre vetture, posizionare il triangolo e indossare il giubbotto catarifrangente, utile soprattutto in caso di visibilità ridotta e se si sta circolando di notte col buio.

A stabilire questo è l’articolo 162 del Codice della Strada, il quale indica che non è consentito al conducente scendere dal veicolo e circolare sulla strada senza avere indossato giubbotto o bretelle retroriflettenti ad alta visibilità. Nel caso in cui questa norma non venga rispettata, il guidatore può rischiare una multa che corrisponde al pagamento di una somma compresa tra 41 e 168 euro.

Occorre sottolineare che la sosta non può essere effettuata per motivi futili, come mangiare o dormire, ma occorre che si verifichi sempre una situazione di necessità, come, ad esempio, un guasto, ricordandosi di seguire sempre i passaggi indicati sopra.

Ultima modifica: 29 dicembre 2021