Sorpasso: norme di sicurezza per superare una bicicletta

173 0
173 0

La normativa italiana non disciplina le distanze che gli automobilisti devono rispettare nel sorpasso delle biciclette. In soccorso la normativa europea.

Normativa

I problemi relativi al sorpasso delle biciclette da parte delle automobili in Italia, incontrano una lacuna normativa. Il Codice della Strada infatti non definisce nel caso di sorpasso ciclisti, a quanto dovrà ammontare la distanza laterale adeguata dalla bicicletta. Le scuole di guida italiane inoltre non insegnano agli automobilisti un’adeguata prudenza nei confronti dei ciclisti che si trovano sulla strada. A questo punto, verranno in nostro soccorso i codici normativi di altri paesi europei. Ad esempio vi sono i Codici della Strada francese e spagnolo.

In Francia e in Spagna, la distanza laterale prevista per il sorpasso delle biciclette è di 1,5 metri di spazio di sicurezza. Interessanti sono le normative di Queensland (Australia) e California (Usa). Nel Queensland la distanza prevista è di un metro ad una velocità inferiore ai 60 chilometri orari. 1,5 metri se si viaggia ad una velocità superiore. Le motivazioni che obbligano l’automobilista che si appresta al sorpasso ad avere una grande attenzione, tenendo una distanza laterale superiore ad un metro, sono molteplici. Qualora il veicolo che effettua il sorpasso della bicicletta sia particolarmente grosso e ingombrante, esso causerà un importante spostamento d’aria che potrebbe causare la caduta del ciclista se il sorpasso è troppo ravvicinato.tà superiore ai 60 chilometri orari.  In California, la normativa prevede una distanza da tenere di 3 piedi ( 90 centimetri) in area urbana.

Se inoltre sono presenti sulla strada buche o tombini in rilievo, crepe che interessano il manto stradale o ostacoli di vario tipo che l’automobilista potrebbe non notare a differenza del ciclista, quest’ultimo potrebbe essere costretto a sbandare, anche non volontariamente. E’ previsto a breve un nuovo Del, che andrà ad aggiornare il Codice della Strada. La nuova disposizione di legge, prevederà il sorpasso di una bicicletta, da parte di un automobile, solo ed esclusivamente se si rispetterà la distanza laterale di 1,5 metri, esattamente come prevede il Codice della Strada francese e spagnolo. Questa nuova disposizione normativa sarà molto importante.

Quando si può sorpassare

Essa andrà infatti a colmare un lacuna del nostro Codice della Strada. In esso infatti non è prevista alcuna voce che disciplina il sorpasso delle bicilette. Nel nostro Codice della Strada si fa esclusivamente riferimento ad un unico articolo che disciplina come effettuare una manovra di sorpasso generico di un’auto, un motoveicolo o qualsiasi altro autoveicolo, di un animale o di un pedone, in movimento o in alternativa fermi sulla nostra stessa corsia di marcia. Il nostro Codice della Strada impone di effettuare la manovra di sorpasso generica, dopo aver effettuato l’apposita segnalazione. Per segnalazione si intende mettere la classica freccia.

Queste disposizioni valgono per il sorpasso di tutti i veicoli e quindi anche della bicicletta. Sarà obbligatorio ovviamente effettuare la manovra di sorpasso sulla sinistra, tenendo un’adeguata distanza laterale. Bisognerà poi riportarsi sulla destra, appena sarà possibile, senza creare alcun pericolo o intralcio. Come detto precedentemente, il nostro Codice della Strada impone di mantenere un distanza adeguata, senza però entrare nel merito. Il Codice non specifica la misura della distanza da tenere. A disciplinare la distanza da tenere durante le manovre di sorpasso, ci penserà il Parlamento, con il Disegno di Legge, al vaglio alla Camera dei Deputati. In caso di approvazione, il nuovo Disegno di legge, introdurrà nel nostro ordinamento il seguente passaggio. E’ vietato il sorpasso di un velocipede a una distanza laterale minima inferiore a un metro e mezzo.

Per velocipede ovviamente andrà intesa la bicicletta. Il Disegno di Legge prevederà inoltre una sanzione amministrativa per le violazioni. Tale sanzione prevista per chi non rispetterà questa nuova normativa, ammonterà ad un importo che andrà dagli 80 euro, fino ad arrivare ai 308 euro. Vi sarà inoltre la possibile sospensione della patente di guida per un tempo previsto che andrà da uno a tre mesi. Questo nel caso in cui la violazione prevista, verrò commessa due volte nell’arco di due anni. Resterà da valutare in che modo la Polizia Stradale effettuerà valutazioni e rilievi, al fine di quantificare la reale distanza laterale tenuta dall’autoveicolo, durante le operazioni di sorpasso della bicicletta.

Come sorpassare

Vogliamo inoltre precisare che il Codice della Strada, nel merito delle manovre di sorpasso non si riferisce solamente agli autoveicoli ma anche ai ciclisti. Essi saranno obbligati a rispettare alcune norme. Il nuovo Disegno di Legge in questione è il numero S.2658. Esso andrà ad inserire nell’Articolo 148 del Codice della Strada, il comma 3 bis. L’enunciato è appunto il divieto ad effettuare il sorpasso, senza rispettare la distanza laterale prevista di 1,5 metri. Questa proposta di legge sembra essere utile a tutti, a tutela della sicurezza stradale. Questo Disegno di Legge andrà sicuramente a tutelare in particolare in modo maggiore la sicurezza dei ciclisti che si trovano a percorrere le strade italiane.

Una domanda che spesso gli automobilisti si pongono, quando ad esempio la domenica, le strade sono affollate di ciclisti, è la seguente. I ciclisti dovranno percorrere la strada rigorosamente in fila, o potranno occupare la carreggiata, disposti in gruppi? Vi è un articolo del Codice della Strada che entra nel merito, per disciplinare questa fattispecie. Si tratta dell’Articolo 182 del Codice della Strada, al comma 1. L’enunciato è il seguente. I ciclisti devono procedere su unica fila in tutti i casi in cui le condizioni della circolazione lo richiedano. Comunque non dovranno procedere affiancati in numero superiore a due. Quando circolano fuori dai centri abitati devono sempre procedere su unica fila, salvo che uno di essi sia minore di anni dieci e proceda sulla destra dell’altro.

Sostanzialmente nei centri abitati sarà possibile per i ciclisti stare a gruppi in coppia. Nelle strade extraurbane i ciclisti dovranno stare sempre rigorosamente in fila indiana. Questo a meno che non ci siano dei minori a condurre la bicicletta). La cosa fondamentale è che i ciclisti non intralcino il traffico. In questo modo che gli automobilisti possano viaggiare i completa sicurezza. I ciclisti potranno effettuare sorpassi a destra. Solamente alla condizione che i veicoli siano fermi sulla carreggiata o procedano con un movimento lento.

Ultima modifica: 5 gennaio 2018