Seggiolino auto per gatti: serve davvero?

331 0
331 0

La presenza di animali in casa cresce sempre più, regalando gioia a milioni di persone e agli stessi animali, salvo casi per fortuna minoritari di maltrattamenti e abbandoni. Un fenomeno che fa registrare numeri decisamente significativi anche nel nostro Paese dove sono cani, gatti ma anche uccellini e piccoli pesci a contendersi la palma del pet più amato. Ma quando dobbiamo lasciare la nostra abitazione per lavoro o per un periodo di vacanza come portiamo avanti questo bellissimo ma impegnativo feeling? Va detto subito che ci sono soluzioni adatte a ogni situazione e disfarsi di un animale dopo averlo tenuto con noi è sempre un atto stupido e inutile oltre che illecito. Scopriamo insieme la possibilità relativa al trasporto sul seggiolino auto per gatti. 

Cosa prevede la legge

Prim’ancora di verificare come poter tenere con noi l’animale nel luogo che dobbiamo raggiungere è bene chiederci come trasportarlo. Se utilizziamo la nostra autovettura dobbiamo tenere presente che la legge stabilisce precisi obblighi in materia per i proprietari e i conducenti di veicoli, pena il pagamento di salate multe e altre sanzioni accessorie.

Il Codice della Strada sancisce che l’animale debba essere tenuto necessariamente sul sedile posteriore o nel portabagagli. La normativa poi fissa una differente disciplina nel caso le bestiole da condurre con noi siano due o più. In tal caso non basta evitare che gli animali stiano nella zona anteriore dell’abitacolo ma occorre dotarsi di appositi dispositivi per il trasferimento come seggiolini, trasportini, catenine ad hoc. In caso di violazione il Codice prevede multe da 84 a 335 euro e in aggiunta anche la decurtazione di un punto dalla patente di guida.

I sistemi per il trasporto, serve un seggiolino auto per gatti?

Al di là degli obblighi di legge e della possibilità di viaggiare con un solo animale a bordo senza particolari accorgimenti è comunque consigliabile adottare uno standard di sicurezza precauzionale, specialmente se l’animale è con noi da un periodo di tempo limitato o se si tratta di un trovatello.

L’imprevedibilità è una delle caratteristiche in particolare dei gatti, amabili quattro zampe dal comportamento però talvolta sorprendente e incontrollabile. E’ vivamente consigliabile non lasciarli girovagare liberamente nell’abitacolo e l’unico modo per assicurarsi che ciò avvenga è trasportare micio con un trasportino o un seggiolino auto per gatti. Quest’ultimo sistema non è strettamente necessario e rischia di essere oppressivo per l’animale perché deve accompagnarsi a un vincolo per essere realmente efficace. Anche il costo, abbastanza rilevante, può scoraggiarne l’acquisto. Il contenitore con manico può tranquillamente bastare e per agevolare il gatto è consigliabile tenere il trasportino in casa così che l’animale familiarizzi con l’oggetto. A favore del seggiolino gioca invece la sua maggiore comodità. 

Ultima modifica: 29 novembre 2019