Seggiolini auto anti-abbandono, come funzionano?

428 0
428 0

Spostarsi da un luogo all’altro, per piacere o lavoro, con la propria automobile è un lusso a cui, oramai, difficilmente rinunciamo. Mettersi alla guida, però, necessità di grande attenzione sia per la propria incolumità che per quella degli altri, soprattutto se bambini. Attenzioni che, se non seguite scrupolosamente, possono essere la causa di contravvenzioni da parte delle Forze dell’Ordine. La cronaca degli ultimi anni ci ha insegnato che anche quando posteggiamo l’autovettura possiamo incorrere in un’infrazione, e non un banale divieto di sosta, bensì lasciare un bambino all’interno del veicolo per lungo tempo. Molti, infatti, sono stati i casi di genitori che, a causa di stress, sovrappensiero o mera superficialità, hanno letteralmente dimenticato il proprio figlio nell’auto. Se si fosse trattato di pochi minuti nessuna paura, ma quando si parla di svariate ore ed in base alle condizioni climatiche può essere fatale per il bambino. Paola De Micheli (Ministra dei Trasporti), a fronte delle molteplici dimenticanze trasformatesi in tragedie, ha deciso l’8 ottobre dello scorso anno di varare un Decreto attuativo per il 172° articolo per Nuovo Codice Stradale in modo da scongiurare tali fatalità. Un mese dopo, il 7 novembre, il Decreto è diventata legge, con la quasi unanimità di voti del Governo, anche se, a causa di lungaggini burocratiche, diverrà effettivo soltanto il 7 marzo del 2020. La legge prevede che ogni automobile facente parte delle categorie N3, N2, N1, M1 con immatricolazione estera o italiana debba essere provvista di seggiolini auto anti-abbandono se si trasporteranno bambini sino ai 48 mesi di età.

Requisiti d’obbligo seggiolini auto anti-abbandono

Per poter installare il proprio seggiolino salva-bebè nella propria auto è obbligatorio che lo stesso sia integrato originariamente nel sistema di ritenuta per chi dovrà usarlo, i bambini. Oppure può essere un accessorio dell’auto o una dotazione standard, le quali devono essere necessariamente comprese nel fascicolo del veicolo riguardante l’omologazione. Ma vi è anche la terza opzione, che coincide con un prezzo decisamente maggiore, ovvero l’installazione di seggiolini auto anti-abbandono indipendente.

Dopo aver soddisfatto tali requisiti bisognerà chiedere al produttore un certificato di conformità, in modo che ogni responsabilità conforme alle leggi vigenti legata al seggiolino salva-bebè sia completamente a carico del fabbricante. Tutti i dispositivi, inoltre, al momento dell’acquisto devono essere corredati di prescrizione per installarlo, che comprendano prescrizioni mirate alla manutenzione ed all’uso dello stesso, tranne nei casi ritenuti eccezionali (dalle normative Europee).

seggiolini auto anti-abbandono

Il funzionamento dei seggiolini auto anti-abbandono

Questi seggiolini salva-bebè, creati per scongiurare le tragedie, riescono nell’impresa grazie a quattro semplici regole. La prima, anche se banale a primo acchito, è che il dispositivo in questione deve necessariamente attivarsi in maniera automatica, senza che il guidatore svolga altre azioni. La seconda regola è che ognuno dei seggiolini auto anti-abbandono deve fornire un segnale sonoro al conducente quando lo stesso si appresta ad avviarlo, in modo da scongiurare perplessità in merito sull’effettivo funzionamento.

La penultima regola, invece, è che qualora ci fosse un allarme il dispositivo salva-bebè dovrà obbligatoriamente inviare segnali aptici, visivi e acustici, sia all’esterno del veicolo che internamente, in modo da richiamare l’attenzione del guidatore, a prescindere se sia ancora dentro l’auto, appena fuori o si stia apprestando ad allontanarsi. L’ultima regola, infine, è anche quella più in linea con le nuove tecnologie dove, in caso di dimenticanze del genitore o tutore del bambino all’interno dell’auto, si riceva tempestivamente una chiamata o un messaggio di testo che li segnalino.

In caso di modelli indipendenti si potrà gestire totalmente il dispositivo anti-abbandono comodamente tramite un app del fabbricatore, che permetterà al guidatore di tenere costantemente sotto controllo lo stato del seggiolino, sia in termini di funzionamento che di eventuale richiesta di manutenzione dello stesso. Tale app, però, funzionerà non tramite wi-fi bensì tramite connessione bluetooth, in modo da scongiurare qualsiasi rallentamento di invio o ricezione dati in base alla connessione internet.

Non adempiendo a tali regole previste per il dispositivo si andrà incontro a sanzioni amministrative, più o meno gravi in base alla negligenza del genitore, che varieranno da una sospensione della patente di guida sino a 24 mesi ad una multa di € 81,00 passando per un massimo di 5 punti decurtati dalla patente. Di seguito troverete tre esempi di seggiolini auto anti-abbandono, al momento sul mercato, per tutte le tasche.

Bébé Confort Axiss (tra i più recensiti)

Quando ci si appresta a fare qualsiasi tipo di acquisto è buona norma informarsi, regola non scritta ancora più di facile fruibilità con l’avvento di Internet. Il dispositivo della Axiss, infatti, gode di un eccezionale rapporto qualità/prezzo oltre che del parere, spesso entusiastico, di chi l’ha provato. Ad un attuale costo di 259,00 € sarà possibile acquistare tale dispositivo salva-bebè, disponibile in otto colorazioni differenti, dotato di cinture e poggiatesta reclinabili in sette posizioni e reclinabile sino a 90 gradi per una portata massima di 18 Kg.

Baby Confort Titan (tra i più costosi)

Per chi, invece, volesse spendere qualche soldo in più acquistando il Baby Confort Titan, potrà contare su delle caratteristiche all’avanguardia oltre che ad una portata davvero strabiliante, 36 Kg per un bambino sino all’età di 12 anni. Il prezzo si aggira intorno ai 310,00 € ma vale la pena prendere seriamente in considerazione l’acquisto data l’ampia seduta ed il design moderno.

Inglesina Tolomeo 2.3 (tra i più convenienti)

Per chi, infine, prediliga non eccedere con le spese per comprare uno dei seggiolini auto anti-abbandono potrà optare per Inglesina Tolomeno 2.3, il cui costo si aggira al momento attorno ai 147,00 €. Le funzioni base, sia chiaro, ci sono tutte per considerarlo un dispositivo a tutti gli effetti anche se, ovviamente, qualche optional viene meno come il sedile reclinabile (non presente) e la portata meno importante, 15Kg. La seduta, però, anche in questo caso risulta morbida e confortevole e lo schienale, grazie alla schiuma espansa, rende l’esperienza del viaggio in auto decisamente comoda. Considerato il prezzo esiguo non sarà possibile collegarlo ad app del produttore anche se, com’è lecito aspettarsi, adempierà ugualmente ai richiami sonori, aptici e visivi in caso di dimenticanza del bebè in auto da parte del guidatore disattento.

Ultima modifica: 2 marzo 2020