Come rinnovare la carrozzeria auto

1112 0
1112 0

Una automobile nuova, qualunque tipologia sia, fa sempre e comunque il suo figurone. Merito soprattutto della carrozzeria auto nuova fiammante. Poi l’usura, le stagioni, il tempo, cambiano tutto e a un certo punto ti ritrovi con una macchina che non riconosci più e che ti mette malinconia. Proprio qui scatta la voglia di fare qualcosa. In effetti, c’è il modo di rinnovare l’estetica della tua auto, di restituire brillantezza alla sua copertura. Qui di seguito ti spieghiamo come ridare smalto (letteralmente) al tuo veicolo.

Il necessario

Intanto avrai bisogno di procurarti un po’ di materiale. Per esempio: un pennarello per riparare le scalfitture; della carta vetrata; cera per macchine; una spugnetta; dello smalto per automobili; un pennello; un secchio d’acqua; un panno; del detersivo per piatti.

Se il colore della carrozzeria della tua auto si è sbiadito, la cosa da fare è ritoccare la vernice. Anche se la vettura non ha mai fatto incidenti, è possibile che ci siano graffi, per lo più causati da altri automobilisti disattenti nei parcheggi. Per ovviare a questi piccoli danni pressoché inevitabili è consigliabile lucidare la macchina ogni due o tre mesi. Ciò soprattutto per evitare che si crei della ruggine e che quindi cali drasticamente il valore commerciale della nostra macchina.

Per rimettere a nuovo la carrozzeria auto, per prima cosa occorre mettere la macchina all’ombra. Poi, se abbiamo appena adoperato la vettura, bisogna aspettare che il cofano si raffreddi: questo affinché l’acqua saponata non si asciughi prima di avere risciacquato.

Per i graffi è bene usare un pennello apposito, leggermente abrasivo: potreste usare anche la pasta, ma il pennarello è parecchio più pratico e comodo da adoperare. Questo strumento offre la possibilità di tirar via lo sporco e di cancellare i graffi piccolini. Lo potete comprare nei negozi specializzati in ricambi e accessori per automobili. Oppure anche on line. Costa più o meno sui cinque euro.

Il pennello e lo smalto

Per le ammaccature di poco conto è opportuno usare il pennello. Lo si intinge nello smalto e lo si passa sopra alla depressione. Se l’ammaccatura è un po’ più seria, ma ancora piccola, allora si dovrà adoperare la carta vetrata, meglio quella medio-fine. Siate molto cauti mentre fate questa cosa, altrimenti potreste pentirvene.

Passato lo smalto, dovete applicare lo stucco: lo farete con una spatola. In tal modo si restituisce alla carrozzeria la sua forma originaria, per quanto possibile. A questo punto dovrete aspettare almeno un’ora perché il tutto si asciughi, dopodiché dovrete passare la carta vetrata fine e poi verniciare con un pennellino o con una bomboletta spray.

Potreste anche optare per una smerigliatrice, ma in tal caso è bene che sappiate quel che state facendo: non è esattamente un utensile per principianti.

Un ultimo passaggio: il lavaggio. Una volta asciugato lo stucco (con lo spray ci vuole un’ora, col pennello una giornata), dovrete lavare la macchina con grande cura. Per i cerchi adoperate il detersivo per i piatti.

Completati questi passaggi, la carrozzeria auto sarà (quasi) come nuova.

Ultima modifica: 26 novembre 2018