Quando disdire l’assicurazione dell’auto

274 0
274 0

L’ assicurazione dell’auto – intendendo con questa la polizza assicurativa RC, ossia la responsabilità civile del conducente verso terzi – è un atto obbligatorio. E pertanto non si dovrebbe mai essere sprovvisti di questo importante documento che, all’atto pratico, comporta, in caso di assenza, notevoli sanzioni di diversa natura, a partire da quella di natura pecuniaria. La quale, ricordiamolo, è salata: si sfiorano, nei casi più gravi, i 3 mila e quattrocento euro.

Detto questo, esistono dei casi in cui si può e si deve disdire l’assicurazione auto, ma questi non hanno nulla a che fare con quei quasi 3 milioni di veicoli che circolano, mediamente ogni anno, senza che sia stata sottoscritta una polizza RC. Vediamo nel dettaglio, quindi, quando si deve disdire l’assicurazione auto.

Assicurazione dell’auto, facciamo dei distinguo 

Esistono due tipi di assicurazione per le auto in circolazione. La prima, e quella su ci porremo maggiore attenzione, è naturalmente la polizza RC, quella riguardante la responsabilità civile verso terzi, ossia quella che, in caso di sinistro provvede a risarcire in solido le persone e le cose che hanno subito un danno cagionato dal conducente del veicolo in questione. Le altre assicurazioni sono quelle aggiuntive, facoltative, che prevedono tutele in caso di danni recati da grandine, furto, incendio. Per entrambe queste polizze – ma soprattutto per quella RC, per cui non esiste eccezione – non esiste il tacito rinnovo. Il che significa che se la polizza scade, nessuno potrà rinnovarla senza il consenso del conducente.

Si può cambiare compagnia

L’assenza del tacito rinnovo comporta quindi che l’automobilista possa decidere, o meno, di rinnovare la polizza con la stessa compagnia di assicurazione. Il che fa parte di un ragionamento più ampio che riguarda la libera concorrenza. In pratica, gli automobilisti hanno la possibilità di valutare le offerte sul mercato e quindi scegliere – ogni anno – con quale compagnia sottoscrivere la polizza. Naturalmente, se si decide di cambiarla, occorre avere le idee chiare qualche tempo prima che la polizza scada, in modo di avere il tempo di prendere contatti con la nuova assicurazione e in modo da avvertire quella vecchia. La polizza va anche disdetta in caso di rottamazione del veicolo in questione.

Ultima modifica: 15 maggio 2020