Quando conviene e come funziona lo Start and Stop

732 0
732 0

Una delle regole auree per le vetture di vecchia generazione era sicuramente non spegnere e riaccendere il motore di frequente. Lo Start and Stop manuale, insomma, che tanto danneggiava il motorino di avviamento, sollecitava la batteria e soprattutto non generava alcun risparmio sui consumi di carburante, quando l’auto era in sosta a un semaforo o in un ingorgo di traffico particolarmente lento.

Tutto questo accadeva decisamente molto tempo fa.

Start and Stop, l’anima green dell’elettronica

Il sistema Start and Stop è una realtà già da molto tempo, utilizzato soprattutto nelle auto elettriche e ibride per risparmiare energia e migliorare le prestazioni in termini di emissioni.

L’anima dello Start and Stop è decisamente green e infatti il risparmio energetico è calcolato tra l’8 e il 15 per cento nei percorsi misti e intorno al 30 per cento in ambito urbano, dove frenate e ripartenze sono decisamente più frequenti e più influenti sui consumi e sulle emissioni.

Ma se una volta, nelle vecchie auto, bisognava girare la chiave sia per spegnere, sia per riaccendere il motore, oggi tutta l’operazione avviene, proprio grazie al sistema Start and Stop, in maniera del tutto automatica grazie al controllo elettronico.

Le sollecitazioni al motorino di avviamento permangono, ma questo è preceduto da un alternatore reversibile, che non solo produce l’energia elettrica necessaria per il funzionamento di tutti i sistemi quando il motore è acceso, ma funziona anche da starter agendo sul motorino di avviamento per quando occorre una ripartenza.

Start and Stop, come controllare il sistema

Tutto il controllo è elettronico. E’ il computer di bordo infatti a rilevare il rallentamento e la fermata e a decidere di sfruttare il sistema Start and Stop.

L’attivazione può avvenire, in alcuni modelli, solo quando il cambio è in posizione di folle, o il pedale del freno viene schiacciato senza abbassare la frizione.

La ripartenza viene attivata sostanzialmente sempre allo stesso modo, ovvero inserendo la marcia dopo aver liberato il pedale del freno. Si attiva così lo start and Stop per ripartire.

E’ pur vero che i sistemi sono stati migliorati di molto negli ultimi anni, ma il problema, come nelle auto di vecchia generazione, rimane il motorino di avviamento, che viene sollecitato moltissimo e potrebbe danneggiarsi più rapidamente che nelle auto dove il sistema Start and Stop non è presente.

Altro elemento dell’auto soggetto a usura più rapida è sicuramente la batteria, che a motore spento, deve comunque alimentare tutti i sistemi. Attenzione poi alle temperature esterne molto basse che possono influire negativamente sul funzionamento dello Start and Stop.

Ultima modifica: 16 aprile 2019