Quando è consentito l’uso del clacson

511 0
511 0

Il clacson è un dispositivo installato sui mezzi di trasporto che consente di emettere un segnale acustico.Si tratta di un tipo di segnalatore che dev’essere usato solo quando necessario, anche se la maggior parte degli automobilisti lo adoperano per sfogare lo stress da traffico o per comunicare la propria ira agli altri veicoli, contribuendo all’inquinamento acustico. L’uso improprio del clacson è punito dal Codice stradale. Scopriamo insieme tutti i dettagli, incluse le sanzioni previste dalla normativa in vigore.

Le circostanze in cui si può suonare il clacson

Il segnalatore acustico posto all’interno delle auto e degli altri veicoli dev’essere usato solo ai fini della sicurezza stradale e per un breve periodo di tempo. L’uso del clacson è vietato espressamente dal Codice stradale in prossimità dei centri abitati e degli ospedali, in modo da garantire la quiete dei residenti locali ed i soggetti che si trovano nelle strutture ospedaliere. Generalmente, in queste zone viene posta una segnaletica specifica che permette ai conducenti di evitare sanzioni e inquinamento acustico ma, anche quando assente, la regola dell’astensione al suono nelle vicinanze dei centri abitati e degli ospedali vale sempre.

Esistono, tuttavia, delle eccezioni a questo divieto per coloro che adoperano il clacson nel momento in cui stanno trasportando nel veicolo feriti o ammalati gravi. Al di fuori dei centri residenziali, i conducenti possono utilizzare il sistema di segnalazione acustica per segnalare un pericolo a pedoni e veicoli o per evitare incidenti, dunque, solo per fini che rimandano alla sicurezza stradale. Quando si tratta di guida in autostrada, per esempio, i conducenti possono utilizzare il clacson per segnalare un sorpasso o durante una manovra.

Nei casi di guida notturna, i conducenti possono adoperare il sistema di luci dell’auto, ovvero i proiettori di profondità, per segnalare il proprio passaggio o la presenza di pericoli. Per evitare di incorrere in multe salate o disturbare la quiete pubblica, è fondamentale conoscere le norme vigenti e seguirle meticolosamente.

La normativa vigente sull’uso del clacson

L’uso del clacson è un’eccezione, non una regola e, per coloro che non rispettano il fine per cui è stato creato esistono delle sanzioni amministrative regolate dalla legge. Il Codice della Strada, infatti, all’articolo 156 prevede che il dispositivo debba essere utilizzato con moderazione in determinati luoghi e solo nei casi di estrema necessità.

La multa che gli operatori stradali possono imporre agli automobilisti che usano il segnalatore acustico nei luoghi dove è posto il divieto, va da 41 euro fino a un massimo di 168 euro. Si tratta di una sanzione lieve che non prevede in nessun caso la decurtazione dei punti della patente o la sospensione della licenza di guida, tuttavia, sempre evitabile. Nel caso in cui il clacson venga suonato nelle situazioni in cui non ci sono pericoli per pedoni e conducenti, non esistono sanzioni obbligatorie.

Ultima modifica: 12 agosto 2022