Quali sono i limiti di velocità per i neopatentati

1721 0
1721 0

Il Codice della Strada impone degli specifici limiti di velocità, sia per chi guida da diverso tempo, sia per chi ha preso la patente da poco. Essere a conoscenza di questi valori è di fondamentale importanza per non rischiare di causare danni ad altre persone ed evitare di subire delle sanzioni. Vediamo tutto quello che occorre sapere.

I limiti su strade urbane ed extraurbane

Per quanto riguarda le strade urbane, il Codice della Strada stabilisce che i neopatentati, ovvero quelle persone che hanno conseguito la patente da meno di 3 anni, debbano rispettare gli stessi limiti imposti anche a tutti gli altri guidatori: il limite massimo raggiungibile in città è di 50 km/h. Nelle strade extraurbane secondarie, invece, il limite massimo è di 90 km/h anche per i neopatentati, i quali, invece, devono prestare attenzione quando percorrono strade extraurbane principali e autostrade.

In queste strade, di norma, si può raggiungere un limite di 110 e 130 km/h, mentre i neopatentati possono arrivare a 90 km/h su strade extraurbane principali e a 100 km/h in autostrada. I limiti di velocità vengono stabiliti dall’articolo 142 del Codice della Strada, che sottolinea anche la potenza massima delle auto che i neopatentati possono guidare e il rapporto tra potenza e peso del veicolo.

Questi limiti vengono applicati anche ai cittadini di paesi extra europei, che sono obbligati a conseguire l’esame per prendere la patente italiana dopo 12 mesi di residenza in Italia. Per quanto riguarda la potenza massima dei veicoli e il rapporto peso-potenza, durante il primo anno dal conseguimento della patente, c’è il divieto di guidare auto con una potenza superiore ai 70 KW e il rapporto peso-potenza non deve superare come valore 55.

Alla fine del 2021, invece, è stato stabilito che i neopatentati possono guidare auto con una potenza superiore ai 70 KW se sono accompagnati da una persona che abbia la patente e non più di 65 anni di età.

Le sanzioni

Il Codice della Strada prevede delle sanzioni che vengono applicate ai trasgressori che non rispettano i limiti di velocità: quando il limite viene superato di un valore non eccedente rispetto a 10 km/h, la multa oscilla tra i 42 e i 173 euro; se, invece, i limiti vengono superati di oltre 10 km/h, ma non oltre i 40 km/h, la multa va dai 173 ai 694 euro. Infine, se il limite di velocità viene superato di oltre 60 km/h, la sanzione può andare da 845 a 3.382 euro, con sospensione della patente di guida da sei a dodici mesi.
Se queste multe sono le stesse pensate anche per chi ha la patente da più di 3 anni, le differenze previste per i neopatentati risiedono nella decurtazione dei punti della patente, infatti questo valore viene raddoppiato per chi ha preso la patente da meno di 3 anni: chi supera il limite di più di 10 km/h rischia di perdere 6 punti; chi supera il limite di oltre 40 km/h ha una decurtazione di 12 punti e, infine, chi supera il limite di oltre 60 km/h rischia 20 punti della patente.

Ultima modifica: 28 marzo 2022