Quali sono documenti per rinnovo patente

5886 0
5886 0

 

La patente di guida è il documento indispensabile (non il solo) per circolare con un’auto o con un altro veicolo, e per questo le regole relative alla sua validità e all’eventuale rinnovo sono piuttosto precise. Innanzitutto le patenti di guida hanno un periodo di rinnovo che varia a seconda della tipologia di patente e dell’età della persona: la B, quella delle automobili, prevede un rinnovo ogni 10 anni fino ai 50 anni di età, poi ogni 5 anni tra i 50 e 70 anni e ogni 3 anni dopo i 70 anni. Infine, chi ha più di 80 anni deve rinnovare la patente ogni 2 anni. Le stesse scadenze ci sono per la patente A.

Dal 19 gennaio 2013, è stato stabilito che con il rinnovo, la data di scadenza successiva delle patenti di tipo A e B coincida con quella del compleanno del patentato.

I documenti per il rinnovo patente

Per richiedere il rinnovo della patente di guida è necessario includere alcuni documenti essenziali, oltre ad adempiere ad alcuni obblighi amministrativi.

Per quanto riguarda i documenti, è necessario avere con sé, alla visita medica, la patente di guida in scadenza, un documento di identità (carta di identità o passaporto), la tessera sanitaria, due foto uguali formato tessera e le ricevute di due bollini: quello da 10,20 euro sul C/C 9001 intestato al Dipartimento dei Trasporti Terrestri e quello da 16,00 euro sul C/C 4028, a titolo di imposta di bollo. Per la visita medica, il pagamento si effettua direttamente presso la struttura sanitaria che è stata scelta per il rinnovo.

Dopo aver effettuato la visita medica, in caso di esito positivo (riguardante l’idoneità psicofisica del soggetto alla guida) si riceve un documento provvisorio che ha una validità di 60 giorni, attestante il rinnovo e la uova data di scadenza; la nuova patente – che arriverà formato tessera, da quando ha sostituito il vecchio formato cartaceo – giungerà direttamente nella casella della posta.

Se ci si trova all’estero, il discorso si complica un po’: è infatti necessario recarsi presso un’autorità dello Stato in cui ha sede la nuova residenza come gli uffici consolari. Un altro accorgimento riguarda il documento provvisorio ricevuto in Italia in caso di esito positivo della visita medica: è riconosciuto solo in Italia e per cui non è possibile usarlo per viaggiare al di fuori dei confini patri.

Perché bisogna rinnovare la patente

Non rinnovare la patente significa esporsi a sanzioni molto severe se si guida: la multa per la patente scaduta va infatti dai 159,00 ai 639,00 euro, con sospensione della patente stessa, mentre non vengono decurtati dei punti. Da ricordare che in caso di incidenti l’assicurazione, dopo aver pagato gli eventuali danni a terzi, ha la facoltà di effettuare il diritto di rivalsa e chiedere quindi all’assicurato con la patente scaduta la somma dei danni pagati.

Il costo del rinnovo della patente dipende dalla scelta di rivolgersi a un’agenzia di pratiche auto (con costi superiori ma meno coda) o meno, e di norma si aggirano tra i 100 e i 130 euro.

 

Ultima modifica: 29 marzo 2017