Quale patente serve per guidare il camper

1390 0
1390 0

Se pensiamo ad un mezzo di trasporto che ispiri senso di libertà, indipendenza ed autonomia, non possiamo che riferirci al camper!

Nato in Francia, nel 1903, da un’idea di Jules Secrestat, pioniere dell’automobile, il camper oggi può vantare in Italia una nutrita comunità di circa 800mila camperisti doc, a cui si aggiungono, secondo le ultime rilevazioni Istat, oltre 3 milioni di italiani che, almeno una volta, si sono cimentati in questa peculiare tipologia di viaggio itinerante.

Parliamo di un mezzo di trasporto dotato di un’estrema fruibilità, grazie al quale poter trasportare svariate attrezzature (bici, moto, sci ecc) in base alle esigenze del proprio viaggio.

Il camper è l’unico mezzo su strada in grado di garantire una totale indipendenza del viaggiatore, potendo accogliere al suo interno le comodità di un comune alloggio, dal piano cottura, al bagno con doccia, ai posti letto.

Per la legge italiana il camper, denominato autocaravan, è un mezzo di trasporto caratterizzato da una speciale carrozzeria ed allestito per il soggiorno delle persone trasportate. Esistono 4 principali categorie:

  • camper puri
  • motorhome
  • semi integrali
  • mansardati

La differenza sta nella collocazione e nelle caratteristiche della cellula abitativa.

Ma quale patente occorre per poter guidare un camper?

Secondo il codice della strada, per poter condurre un camper è necessario essere in possesso di una patente B. Tuttavia, il peso complessivo del veicolo non deve superare le 3,5 tonnellate. Qualora il mezzo presenti una massa superiore, secondo quanto affermato dal 3 co. dell’art. 116 del C.d.S., è necessario conseguire la patente C.

Facciamo un’ulteriore precisazione.

Per coloro che hanno ottenuto la patente B da meno di 3 anni (i cosiddetti neo-patentati), il nuovo Codice della Strada prevede espressamente alcuni limiti: in autostrada la velocità di marcia non potrà superare i 100 km/h, mentre sulle strade extraurbane tale limite corrisponderà a 90 km/h.

Per coloro, invece, che hanno conseguito la patente B da meno di un anno, non sarà consentito condurre veicoli che eroghino una potenza superiore a 55 kW/t.

Concludendo, i camper sono soggetti al rispetto di tutte le regole, divieti e limitazioni previsti in generale per la circolazione dei veicoli, ma il Codice della Strada prescrive dei particolari obblighi in capo al conducente. Quest’ultimo, infatti, deve spegnere il motore in caso di sosta, non può utilizzare piedini di stazionamento, non può ingombrare la sede stradale in misura eccedente il suo ingombro di marcia, deve scaricare le acque chiare e nere servendosi degli appositi impianti di smaltimento posti nei pressi degli stalli di sosta (art. 185 C.d.S.).

Ultima modifica: 8 agosto 2018