Punti patente: quali sono e come funzionano

1930 0
1930 0

Più che parlare di patente a punti sarebbe più corretto dire meccanismo della patente a punti. In effetti ai punti sulla patente sono associate delle infrazioni in base alle quali meccanicamente si sottrae un determinato punteggio. All’inizio il nuovo meccanismo ha allarmato parecchio gli automobilisti che come per ogni novità lo vivevano con timore. Si è poi passati alla fase di convivenza pacifica in cui gli stessi automobilisti, dopo lo spauracchio, hanno cominciato ad abituarsi all’idea di infrazione punita con la sottrazione di punti. Oggi c’è persino chi dimentica di avere questa spada di Damocle pendente e se ne rende conto solo ad infrazione commessa e quindi a punti in meno. Esistono delle procedure specifiche per controllare i punti in proprio possesso e persino delle procedure per il recupero dei punti sottratti.

Cosa sono, quanti sono e come funzionano?

L’introduzione del meccanismo della patente a punti, come detto entrato in vigore a partire dal 1 luglio 2003, rappresenta un forte deterrente contro le infrazioni spesso reiterate del codice della strada o almeno questo era lo scopo principale del provvedimento. La patente a punti inoltre a partire dall’8 agosto 2009 fu estesa con medesima sottrazione di punti anche ai conducenti maggiorenni di altri veicoli a motore.

Al conseguimento della patente viene assegnato una sorta di bonus pari a 20 punti che puo’ ridursi appunto per la sottrazione conseguenziale a delle infrazioni. Tale punteggio può tuttavia aumentare per “buona condotta” o in seguito ai corsi di recuperi punti. Da 20 punti addirittura in caso di buona condotta si può arrivare fino ad un totale di 30 punti.

La buona condotta equivale nello specifico a 2 punti per anno fino ad un cumulo massimo, come già evidenziato, di 30 punti.

Fin da subito è opportuno chiarire che se vengono completamente consumati i 20 punti, piuttosto che recuperarli con dei corsi in particolare, è necessario rifare l’esame della patente.

Entriamo adesso nello specifico della normativa. Per ogni infrazione commessa viene decurtato un certo punteggio che può arrivare fino a 10 punti per singolo reato.

Se si dovessero commettere più infrazioni contemporaneamente è prevista la sottrazione massima di 15 punti. In quest’ultimo caso però fanno eccezione quelle infrazioni che secondo il Codice della Strada prevedono la sospensione della patente: solo per il verificarsi di tale circostanza addirittura si potrebbe arrivare fino all’azzeramento del punteggio. Il saldo dei punti per la patente non può inoltre essere negativo.

Nella tabella qui di seguito alcuni esempi di infrazioni e la specifica decurtazione.

Infrazioni che comportano una decurtazione di 10 punti patente
Gare di velocità.
Eccesso di velocità superiore ai 60 km/h
Circolazione contromano in caso di curve o in condizioni di scarsa visibilità.
8 punti patente
Mancato rispetto della distanza di sicurezza con conseguente incidente con lesioni gravi a persone
Comportamento irregolare o pericoloso nei passaggi ingombrati e nelle strade di montagna, che abbia causato gravi lesioni a persone
Inversione di marcia in prossimità di curve, di incroci o di dossi.
6 punti patente
Eccesso di velocità superiore ai 40 km/h ma non oltre i 60 km/h
Passaggio con semaforo rosso o mentre il vigile stia dando la precedenza ad altri flussi di traffico
Mancato rispetto del passaggio a livello.
5 punti patente
Violazione dell’obbligo di moderare la velocità in caso di curve, incroci e visibilità limitata.
Mancato rispetto dell’obbligo di dare la precedenza.
Sorpassi pericolosi.
4 punti patente
Guida contromano non in curva
Occupazione della corsia centrale o di sinistra nel caso di corsia libera a destra
Chiunque non abbia potuto evitare la caduta o lo spargimento di materie viscide, infiammabili o comunque atte a creare pericolo o intralcio alla circolazione deve provvedere immediatamente ad adottare le cautele necessarie per rendere sicura la circolazione e libero il transito.
3 punti patente
Eccesso di velocità compreso di oltre 10 km/h e fino a 40 km/h.
Mancato accertamento delle condizioni per fare un sorpasso.
Mancato rispetto della distanza di sicurezza.
Uso improprio degli abbaglianti.
Trasporto di carichi senza le dovute attenzioni.
2 punti patente
Inosservanza della segnaletica stradale a eccezione di quella di sosta e di fermata.
Violazione delle regole di sorpasso dei tram.
Cambi di corsia irregolari o svolte non segnalate.
Inosservanza del divieto di sosta in corsie e carreggiate riservate ai mezzi pubblici.
Intralcio irregolare della strada nel caso di incidente.
1 punto patente
Non fare uso dei dispositivi di illuminazione o segnalazione visiva quando prescritto
Uso improprio dei fari
Trasportare cose con eccedenza di carico non superiore ad 1 tonnellata o al 10% per veicoli fino a 10 T

Dopo questo elenco un’ulteriore specifica: i punti vengono sottratti dalla patente del conducente e non del proprietario del veicolo. Se il conducente non è identificabile allora il verbale viene inviato al proprietario che ha tempo 60 giorni per comunicare il nome del conducente al momento dell’infrazione. Se entro questo termine perentorio non sarà comunicato il nome del conducente allora si provvederà a multare il proprietario con una sanzione tra i 263 a 1.050 euro, ma senza la perdita di punti.

Punti patente per neopatentati

I neopatentati al conseguimento della patente avranno anche loro 20 punti, ma il bonus di buona condotta varrà solo per tre anni, durante i quali si mantiene lo status di neopatentato, e quindi darà eventualmente solo tre punti aggiuntivi.

Come recuperare i punti della patente

 

E’ spesso opportuno recuperare gli eventuali punti sottratti e in tal senso le autoscuole e gli altri soggetti autorizzati propongono diverse offerte di corsi di recupero. Basta in particolare un corso di 12 ore per le patente A e B per recuperare fino a 6 punti.

I conducenti con patente C, C+E, D, D+E con un corso di 18 ore possono recuperare 9 punti.

In ogni caso esistono pure dei meccanismi premiali: per esempio un conducente reo di infrazioni che non ha azzerato i propri punti e che per due anni si comporta secondo il codice della strada allora può recuperare per intero i 20 punti.

Come controllare il saldo punti

 

Controllare il saldo dei punti è molto veloce e immediato. Esistono in particolare due modi: o chiamare al numero 848.782.782 dove basterà indicare le proprie generalità, il numero della patente e subito si avranno le informazioni dettagliate; altro modo è accedere al portale dell’automobilista dove, dopo essersi registrati, si avrà accesso a tutta una serie di informazioni compreso il saldo punti.

 

Ultima modifica: 16 marzo 2017