Come pulire i sedili dell’automobile in pelle

313 0
313 0

I sedili in pelle sono un classico intramontabile per gli appassionati di automobili. Divisivi per antonomasia: o li si ama o li si odia. E senza mezze misure deve essere anche la cura che bisogna dedicare loro se si vuole avere una vettura con i sedili in pelle. Una denominazione che peraltro non sempre corrisponde alla materia prima di origine animale, per la gioia degli animalisti. Ma anche quando non si tratta di vera pelle, bensì di materiale sintetico o misto, non si può prescindere da una adeguata e periodica manutenzione. Scoprite con noi come pulire i sedili dell’automobile in pelle.

Tutto l’occorrente per un’operazione da manuale

Prima di passare alla parte pratica, è opportuno conoscere i passaggi da rispettare preliminarmente alla rimozione dello sporco e alla lucidatura. Bisogna partire dalla verifica dello stato di fatto dei rivestimenti affinché venga esclusa la presenza di buchi, graffi o veri e propri tagli. Nel caso vi siano occorre preliminarmente far riparare in tappezzeria le parti rovinate. Dopodiché si può passare alla pulizia vera e propria utilizzando l’occorrente, ovvero:

  • un aspirapolvere
  • panni leggermente abrasivi in microfibra
  • una spazzola a setole morbide
  • detergente per cuoio
  • latte detergente (va bene anche quello che utilizziamo per la cura personale)
  • batuffoli di ovatta
  • acqua (possibilmente non di rubinetto).

La pulizia dei sedili auto in poche e semplici mosse

La rimozione dello sporco dai sedili della vostra auto va fatta precedere dall’azione dell’aspirapolvere per eliminare tutti i residui di cibo, particolato atmosferico, peli e fili di tessuto. Bisogna agire con accortezza, evitando l’eccessiva pressione sulla superficie. Dopo essersi accertati che non vi sia più polvere sulle sedute si può passare alla fase due dedicata alla pulizia vera e propria. Prendete un panno inumidito e passatelo sull’intera superficie dei sedili. Strofinate con cura ma senza esagerare. Se la macchia non viene via chiedetevi se state utilizzando il panno o i detergenti giusti anziché rischiare di compromettere l’integrità delle superfici.

È consigliabile utilizzare un prodotto specifico per il cuoio, efficace ma delicato. Nel caso vi troviate di fronte a macchie perseveranti potrete provare a toglierle con la spazzola, a patto che si tratti di un utensile a setole morbide. Si formerà una schiuma come con la crema da barba. Lasciate agire per qualche minuto e poi rimuovete il tutto con un panno pulito. Il latte detergente può essere opportunamente applicato anche con batuffoli d’ovatta della grandezza di mezzo palmo. Se si punta a un risultato più brillante tenere in posa per qualche minuto in più e rimuovere il prodotto con un panno in microfibra rigorosamente pulito.

Ultima modifica: 8 aprile 2021