Come prepararsi per un viaggio in moto montagna

417 0
417 0

Marcel Proust diceva: “Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi”. Ebbene sì, viaggiare ha da sempre rappresentato un’attività capace di assecondare la sete di conoscenza e la costante tendenza dell’uomo a ricercare nuovi mondi, nuove culture, nuovi paesaggi. Viaggiare, in poche parole, non vuol dire semplicemente riempire la nostra mente di ricordi, piuttosto significa arricchire il proprio bagaglio culturale ed ampliare la propria mentalità, predisponendoci ad accogliere con entusiasmo ciò che non si conosce.

Viaggio in montagna: il mezzo di trasporto giusto

Un viaggio, tuttavia, per rappresentare un’esperienza positiva, ha bisogno di due elementi imprescindibili: il compagno ideale e il mezzo di trasporto con il quale spostarsi.

Concentrando, quest’oggi, l’attenzione sul secondo elemento fondamentale del viaggio, indubbiamente esistono svariate ragioni che ci inducono a scegliere di viaggiare in aereo, in treno, in auto, oppure sulle due ruote. Sceglieremo l’aereo per ridurre sensibilmente i tempi di percorrenza, il treno per ridurre al minimo lo stress, l’auto per garantirci maggiore libertà di spostamento. Tuttavia, nell’immaginario collettivo, il mezzo di trasporto più romantico e affascinante risulta essere senz’altro la moto. E qualora decidessimo di organizzare il prossimo viaggio in montagna, allora il binomio sarebbe pressoché perfetto! Che si tratti di affrontare i lunghi tornanti delle Dolomiti o i più dolci pendii dei nostri Appennini, viaggiare a bordo delle due ruote consente di poter apprezzare appieno lo spettacolo della natura, respirare aria pura e carica di ossigeno ed allontanarsi, anche se solo per pochi giorni, dallo stress della routine cittadina.

Come prepararsi per un viaggio in montagna sulle due ruote

Viaggiare in moto, però, richiede numerosi accorgimenti, sconosciuti al viaggiatore a bordo di un’auto, ma che risultano indispensabili affinché il viaggio non diventi una spiacevole esperienza.

Innanzitutto, viaggiare in moto imporrà un abbigliamento adeguato, tanto più se la vostra meta sarà la montagna. Immaginando di scegliere il mese di agosto, sarà necessario indossare degli abiti leggeri, accompagnati, però, da un giubbino da moto, preferibilmente con un rinforzo protettivo per la colonna vertebrale, o in goretex, guanti protettivi in pelle e casco integrale.

Per quanto riguarda gli indispensabili accessori per la moto, sarà utile montare delle valigie laterali, all’interno delle quali, oltre all’occorrente per il viaggio, inserire anche un kit di riparazione, contenente uno spray-schiuma in caso di foratura, una lampadina di riserva e l’indispensabile vestiario in caso di pioggia (impermeabili, copri gambe, copri stivali).

Superato lo scoglio organizzativo, il viaggiatore sulle due ruote non dovrà pensare ad altro se non a godersi il viaggio, magari provando l’ulteriore ebbrezza, ormai vintage, di servirsi di una mappa stradale cartacea per avventurarsi ed addentrarsi nei meravigliosi paesaggi montuosi che il Bel Paese ha da offrire!

Ultima modifica: 3 agosto 2018