Pneumatici: quali informazioni si trovano sulla gomma

1807 0
1807 0

Sui pneumatici delle vetture, riportare in particolare sulla loro zona laterale, è possibile trovare un’ingente quantità di informazioni, in merito al modello, alle caratteristiche e a quanto lo distingue da altri modelli presenti.

Anzitutto, vi è da sapere che tutte le gomme auto sono indicate con la lettera P, e quelli di nuova produzione sono identificati con la lettera R, che sta per “radiali”, ovvero caratterizzati da una struttura composta da cavi, in acciaio o nylon, che hanno una disposizione a raggio rispetto al piano, simmetrico al loro battistrada.

La sigla ECE è l’abbreviazione della sigla UNECE che indica la “Commissione Economica per l’Europa delle Nazioni Unite”, e se uno pneumatico non riporta tale dicitura, vuol dire che non è conforme alle normative varate dalla Commissione.Ben evidente è la marca dello pneumatico, che riporta il nome della casa produttrice.

La dicitura TWI, invece, indica la posizione dei rilevatori di logoramento sul battistrada della gomma. Questi rilevatori devono essere controllati periodicamente e la profondità minima che devono avere, anche a livello europeo, è di 1,6 mm.

Molto importante è anche la data di produzione della gomma, che viene riportata con un codice di soli quattro numeri, che sta ad indicare la settimana e l’anno di realizzazione; e nel lato sottostante dello pneumatico è riportato il modello tipico del battistrada.

Tra le varie informazioni è possibile trovare anche la dimensione della gomma, riportata in millimetri: la larghezza dello pneumatico, seguita dal diametro del cerchio, inerente alla sua altezza, che viene calcolato in pollici.

In percentuale è riportata, invece, la cifra legata al rapporto d’aspetto, ovvero al rapporto che c’è tra l’altezza della posizione dello pneumatico e la sua larghezza.

Di rilevante importanza è l’indice di carico, appunto un segnalatore della quantità massima di kg in grado di essere trasportati dalla vettura. Solitamente, l’indice di carico è da tenere in considerazione in rapporto ai codici di velocità, riportati subito dopo l’indicatore di carico. Ci si deve sempre accertare che questi due codici siano compatibili l’un l’altro, per permettere una guida migliore e condizioni ottimali della vettura.

Infine, sugli pneumatici può essere rilevata la loro tipologia, e si comprende se contengono una camera d’aria o sono in grado di farne a meno. Grazie ad alcuni simboli specifici si può capire anche se si tratta di specifici pneumatici invernali o quattro stagioni: queste tipologie sono rappresentate  rispettivamente da un fiocco di neve oppure dalla sigla M+S.

Ultima modifica: 7 settembre 2018