Pickup: perché acquistarne uno

143 0
143 0

Utili come un furgone, comodi come una berlina, affascinanti come un fuoristrada. E in alcuni casi persino spaziosi come una station wagon. Senza trascurare la loro economicità equiparabile a quella di un qualsiasi mezzo di lavoro. Sono tanti i vantaggi di possedere un pickup.

Pickup: sempre più diffusi

Giunti dall’America più profonda, quella delle farm e delle lunghissime e polverose statali, questi autoveicoli a due posti e cassone hanno ormai conquistato consensi crescenti sui mercati di tutto il mondo. Da qualche anno sempre più costruttori hanno iniziato a scommettere sui pickup. Chiaramente, al di qua dell’Atlantico, siamo ancora lontani dai numeri inanellati negli Stati Uniti dove il Ford F-150, un capostipite del genere, è da quarant’anni il veicolo più venduto in assoluto.

Pickup: sempre più versioni

Con il tempo e il successo di pubblico, questi mezzi hanno acquisito anche una maggiore versatilità. La versione originaria, con la cabina riservata necessariamente a conducente e passeggero, e il lungo cassone porta attrezzi sul retro, non è più l’unica opzione possibile. Ai pickup a cabina singola si sono infatti aggiunti quelli a cabina allungata e i modelli a cabina doppia:

  • La cabina allungata presenta due posti ulteriori a sedere alle spalle dei due principali, di dimensioni più ridotte;
  • La modalità a cabina doppia consiste in un’auto a due volumi a tutti gli effetti, cui si aggiunge un terzo nella forma di spazioso contenitore per mezzi e attrezzi.

Il pickup diventa, così, un autentico furgoncino per un team di lavoratori formato da quattro o cinque unità, ma anche per famiglie mediamente numerose.

Pickup: sempre più vantaggi

Ma ai vantaggi di un prezioso compagno di lavoro o di una spaziosa station wagon (nelle versioni extended), si aggiungono quelli di un veicolo quattro per quattro adatto a tutte le superfici. Telaio a longheroni, ponte rigido posteriore, sospensioni posteriori a balestra, trazione integrale, differenziale autobloccante e marce ridotte: sono caratteristiche peculiari dei fuoristrada che si ritrovano pressoché in tutti i pickup oggi in commercio.

Questi veicoli si fanno preferire anche per una ragione molto pragmatica: il risparmio sulle tassazioni. I pickup rientrano nella categoria “autocarri” e, come tali, fruiscono della detraibilità dell’Iva nella misura del 100%. Questo avviene a condizione che venga utilizzato come mezzo di lavoro “per il trasporto di cose e di persone addette all’uso delle cose”, come prescritto dal Codice della strada. Altrimenti, comunque, la detraibilità Iva è comunque applicata al 40%. Innumerevoli sono, dunque, i vantaggi di possederne uno, potendo peraltro godere di un design decisamente più affascinante di un normale furgone.

Ultima modifica: 7 agosto 2019