Perchè prediligere le marche d’auto italiane

232 0
232 0

L’Italia ha una tradizione automobilistica straordinaria: marchi che hanno fatto la storia dell’industria dell’auto, grandi ingegneri e progettisti, insigni designer; le auto italiane comprendono una gamma di proposte per tutte le esigenze e tutte le tasche. Auto per la famiglia, per il tempo libero, per divertire la nostra anima sportiva o per accontentare la nostra esigenza di eleganza. Ci sono automobilisti italiani che non hanno mai rinnegato il loro paese e hanno sempre scelto di acquistare prodotti italiani.

Auto italiane: si compra italiano per un’assistenza più capillare ed economica

Acquistare italiano non è solo una questione di mero sostegno all’economia delle nostre aziende: anche perché ormai moltissime case automobilistiche fanno parte di grandi gruppi economici internazionali così come è vero che moltissime auto non vengono prodotte in Italia ma all’estero per una questione di costi più contenuti. Tuttavia però ci sono anche motivi di altro tipo: un prodotto italiano, tendenzialmente, ha un’assistenza molto più diffusa sul territorio in termini di officine e carrozzerie.

Non è più così vero che i ricambi italiani costano meno di quelli stranieri: ci sono diverse case, in particolare quelle francesi, che hanno notevolmente ridimensionato i costi dei propri pezzi di ricambio proprio per essere molto più aggressive sul nostro territorio. E la cosa ha funzionato: però è vero che numerose case italiane, su tutte la Fiat, continuano ad avere un listino prezzi estremamente competitivo sia sull’acquisto del nuovo che dei ricambi.

La fidelizzazione incide di più tra gli italiani e chi compra auto italiane

Le considerazioni circa ricambi, distribuzione e mano d’opera sono comunque ancora adesso le principali motivazioni per cui gli italiani scelgono di acquistare auto di aziende italiane. C’è anche da valutare quelle che sono le campagne commerciali che in questi ultimi anni sono state legate soprattutto alla questione dei consumi e dell’Ecobonus, la sovvenzione destinata a chi acquista auto nuove per sbarazzarsi di quelle vecchie e inquinanti.

Interessante è anche un altro dato, che riguarda la fidelizzazione: molti sono gli acquirenti che costruiscono un rapporto di fiducia così personale, quasi familiare, con meccanici e venditori che alla lunga è facile mantenere una solida fiducia al marchio e al brand che a volte può durare anche per diversi anni. Insomma, non sarebbe corretto pensare che si compri italiano per una questione “politica” o per una pura e semplice abitudine. Ciò che da sempre muove l’acquisto di un’auto sono semplicemente due fattori: il gusto, un’auto piace o meno indipendentemente dal fatto che possa essere italiana, e il budget che si ha a disposizione.

Ultima modifica: 8 luglio 2019