Pedaggio autostradale, quali sono le tratte più costose

279 0
279 0

Quando si programma un viaggio, occorre fare bene i conti. Talvolta, infatti, si preferisce utilizzare l’auto perchè ritenuta il mezzo più conveniente. Ma è sempre così, oppure ci sono delle tratte capaci di essere un vero e proprio salasso a causa del pedaggio autostradale?

In realtà, anche la variabile costo del pedaggio autostradale dovrebbe sempre verificata prima di mettersi in auto. Anche perchè, in alcuni casi, ci sono delle tratte alternative che fanno risparmiare. In ogni caso, per poter confrontare adeguatamente i costi di viaggio, bisognerebbe sempre valutare il numero di persone che viaggiano sulla stessa auto, e quindi dividere il pedaggio per quel numero. Idem con la benzina. Detto questo, vediamo quali sono le tratte autostradali con i pedaggi più costosi.

Pedaggio autostradale: le strade d’oro

Avete mai provato ad andare, andata e ritorno, a Courmayeur partendo da Milano? Prima di farlo, verificate i costi del pedaggio autostradale: non sono a buon mercato. Oppure: avete mai provato a prendere la tangenziale Nord di Milano, perchè le strade alternative e limitrofe erano intasate? Altra esperienza che, anche se si parla di importi bassi, ma che vanno comunque commisurati al chilometraggio percorso, pesa sul portafoglio dell’utente, soprattutto se quest’ultimo è un habitué di quella tratta. Altro salasso lo hanno provato gli automobilisti che, dall’aeroporto di Malpensa, devono rientrare a Milano. Le alternative autostradali sono due, una implica la percorrenza della Milano – Torino, l’altra della Varese – Milano: quale delle due sarà più costosa?

Poi, sempre restando al nord, c’è la ormai famosissima Bre-be-mi, l’autostrada che collega Milano con Brescia e che è una valida alternativa alla vecchia e congestionata A4. Certo il pedaggio è davvero notevolmente più caro, ma è altrettanto vero che si viaggia praticamente soli.

Molto spesso, infatti, spendere qualcosa in più di pedaggio autostradale può valere la pena: meglio qualche euro in più viaggiando veloci, o qualche euro in meno restando fermi e incolonnati, spendendo così una cifra più alta per il carburante?

All’estero è diverso

In Italia, quindi, ci sono alcuni tratti autostradali che sono davvero cari, soprattutto se confrontati con tratti analoghi. All’estero, per esempio in Germania, le cose vanno diversamente, perchè l’autostrada è praticamente gratis. In Francia, invece, lo sa chi ha provato ad andare banalmente in Costa Azzurra, i pedaggi sono continui e costosi. Mentre Austria e Svizzera, per esempio, hanno scelto di mettere a punto una tariffa onnicomprensiva: si paga una volta e poi si circola con la famosa Vignette. Che sia la soluzione più corretta?

Ultima modifica: 6 giugno 2019