Patente B: cosa si può guidare e come ottenerla

1248 0
1248 0

Il conseguimento della patente B è l’abilitazione di guida più diffusa di tutte ed è necessaria per guidare veicoli come le normali automobili, ma anche autoveicoli e ciclomotori. Scendiamo nei particolari e vediamo insieme cosa si può guidare con la patente B e come si consegue questa abilitazione di guida.

Cosa è possibile guidare con la patente B

Con il conseguimento della patente B è possibile guidare veicoli, in generale, con massa fino a 3500 chili ed adibiti al trasporto di massimo otto persone oltre il conducente.

Oltre a questi veicoli, si possono guidare mezzi con rimorchio e massa fino a 750 chili. È consentito condurre rimorchi con massa superiore, ma a condizione che il peso complessivo non superi i 4250 chili.

Inoltre, la patente B abilita anche alla guida di alcuni veicoli ciclomotori. Infatti, questo tipo di patente di guida consente di guidare motocicli con cilindrata fino a 125 cc, dotati di una potenza fino a 11 kW e un rapporto tra peso e potenza non oltre 0,1 kW/Kg. Inoltre, dai ventuno anni di età, si possono condurre tricicli con potenza fino a 15 kW.

Come si prende la patente B

Il documento e l’abilitazione per la patente B si possono ottenere rivolgendosi ad un’autoscuola autorizzata, o come privatista presso la Motorizzazione Civile, e dopo il superamento di un esame di teoria ed una prova pratica di guida.

Per poter sostenere l’esame è necessario aver compiuto i 18 anni ed essere in possesso di determinati requisiti psico-fisici, come: una buona capacità visiva, un’ottima capacità acustica e, infine, non bisogna essere affetti da problemi psichici e fisici che possano in qualche modo ostacolare la sicurezza durante la guida dei veicoli.

L’esame di teoria, come stabilito dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, prevede un quiz di trenta quesiti con opzione di vero e falso da compilare in venti minuti e con la possibilità di commettere fino a tre errori. Per quanto riguarda, invece, l’esame pratico, è possibile sostenerlo a partire da un mese dopo il superamento della prova teorica, dopo aver svolto almeno sei ore di guida con un istruttore autorizzato. La prova pratica di guida deve durare almeno venticinque minuti, durante i quali è necessario seguire le indicazioni dell’istruttore dimostrando di conoscere le manovre richieste ed il comportamento adeguato alle norme del Codice della Strada.

Ultima modifica: 20 settembre 2022