Pasta abrasiva: come usarla per le riparazioni auto

14718 0
14718 0

Pasta abrasiva, un prodotto molto utile per risolvere le problematiche relative ai graffi sulla carrozzeria dell’automobile. Vediamo come usarla.

Pasta abrasiva per eliminare i graffi dalla carrozzeria della nostra auto? Sì, ma bisogna saperla utilizzare: ecco spiegato, in semplici passaggi, come far sembrare la propria autovettura nuova di zecca anche dopo qualche spiacevole inconveniente

Pasta abrasiva, prodotto utilizzato per l’usura superficiale o abrasione di un oggetto attraverso lo sfregamento. Da lei derivano anche i cosiddetti ‘polish’, con caratteristiche abrasive più leggere rispetto il prodotto originario (funzionano quasi come la cera protettiva). Per quanto concerne automobili, motociclette o scooter, la pasta abrasiva ha la funzione di eliminare i graffi sulla carrozzeria con l’usura in superficie della parte in questione attraverso lo sfregamento. Le paste abrasive delle autovetture sono molto diluite per evitare di arrecare danni alla carrozzeria.

Pasta abrasiva, come si utilizza

Prima di cominciare, assicurarsi di avere a disposizione, oltre la pasta abrasiva, dell‘ovatta ed un prodotto lucidante per auto. Nel caso in cui i graffi sembrino troppo profondi, l’ideale sarebbe affidarsi ad un professionista: mettendosi, infatti, in proprio da ‘profani’ potrebbe innescarsi la reazione contraria e quindi potremmo peggiorare, di fatto, i danni all’automobile. Qualora, invece, il problema non sembri così grave, si può procedere da soli con l’utilizzo della pasta abrasiva. Bisogna pulire per bene la zona interessata dal graffio con acqua e sapone. Quindi, si prenda la pasta abrasiva e la si stenda in maniera uniforme con l’aiuto dell’ovatta. A quel punto, bisogna esercitare una lieve pressione sulla zona in questione con movimenti circolari. E’ possibile anche ripetere l’operazione, con un altro pezzo di ovatta, agendo, però, con una forza maggiore, di modo che la pasta abrasiva aderisca alla perfezione su tutti i punti interessati dal graffio.

Attenzione, però, a ripassare troppo spesso il pezzo di ovatta sulla medesima parte poiché potrebbero formarsi degli aloni. Fatto questo, si può controllare che la superficie sia tutta liscia e ben levigata. Qualora sia così, si deve procedere con la lucidatura di tutta la zona interessata: in commercio è possibile trovare tanti prodotti specifici per la lucidatura dal prezzo contenuto e sono applicabili esattamente come la pasta abrasiva. Si dovrà, pertanto, prendere un po’ di ovatta e stendere il prodotto per la lucidatura sulla zona stessa con i soliti, circolari movimenti. Nel giro di un paio d’ore tale prodotto si asciugherà e la carrozzeria dell’automobile tornerà come nuova.

Pasta abrasiva, le controindicazioni

Deve essere usata con molta cautela: preferibile evitarla su parti che hanno subito un graffio sottile e superficiale, anche perché, spesso, assottiglia lo strato di vernice. Divieto assoluto di utilizzo su tinte metallizzate, carrozzerie perlate o cromature. Pasta abrasiva troppo ‘aggressiva’, inoltre, potrebbe provocare la rimozione della verniciatura o lo sbiadimento della tinta originale.

Ultima modifica: 28 aprile 2017