Parapioggia auto: come montarli ai finestrini

1683 0
1683 0

Montare i parapioggia auto è una buona idea, specialmente per il guidatore che vuole far entrare aria nell’abitacolo riparandosi dalla pioggia.

Tra gli accessori non previsti di serie nell’allestimento di un’auto ci sono proprio i parapioggia auto, noti anche con il nome di “deflettori turbo”. L’esigenza viene manifestata dal guidatore del veicolo quando la necessità di liberare l’interno dalla condensa formatasi con la pioggia rende indispensabile l’apertura del finestrino anteriore. La stessa esigenza sopravviene alla persona che siede sul sedile anteriore a fianco del guidatore, anche se limitatamente alle condizioni che rendono l’esigenza altrettanto indispensabile, come la presenza di un anziano o di una persona in condizioni di salute limitata.

L’accessorio parapioggia può essere facilmente acquistato presso un rivenditore di ricambi auto, oppure ordinarlo su Internet in uno dei vari siti di e-commerce presenti in rete. È sempre consigliato acquistare quello omologato dalla casa costruttrice, come indicato a volte nello stesso libretto di manutenzione dell’auto o ricavabile dal modello di auto iscritto nella carta di circolazione. La scelta di un parapioggia corretto e adeguato è garanzia per un buon fissaggio nella propria auto, una lunga durata e una buona resistenza alle intemperie climatiche.

Gli strumenti utili per effettuare il montaggio si limitano a un cacciavite e a un panno imbevuto di un detersivo sgrassante. Le operazioni da svolgere sono le seguenti:

  • pulire accuratamente il finestrino e il suo contorno in gomma con il panno, facendo attenzione a non forzare la compattezza del materiale;
  • abbassare il finestrino in modo da disporre del maggior spazio possibile per maneggiare l’accessorio in fase di inserimento;
  • alloggiare il parapioggia incastrando i suoi due alettoni in alluminio sulla parte superiore del finestrino aiutandosi con il cacciavite in caso di difficoltà nell’inserimento;
  • chiudere il finestrino per verificare che il bordo dello stesso non sia impedito nel chiudersi completamente e, in caso, effettuare degli aggiustamenti fino ad ottenere un incastro perfetto;
  • ripetere l’operazione anche per il secondo finestrino.

Oggi esistono sul mercato anche parapioggia di nuova concezione che migliorano la funzionalità dell’accessorio e la sua azione: il parapioggia, infatti, è da sempre anche un utilissimo deflettore aria che consente al guidatore di poter viaggiare a finestrino aperto durante la corsa. Questa tipologia è costituita da un accessorio dalla forma “a boomerang” e da un materiale flessibile che si inserisce facilmente lungo tutto il bordo del finestrino ampliando l’area di bloccaggio degli agenti atmosferici esterni (pioggia e aria) e migliorandone l’estetica.

Ultima modifica: 22 settembre 2017