Noleggio limousine: tre consigli utili da conoscere

609 0
609 0

Era da tanto che sognavate un noleggio limousine per un’occasione speciale ed ecco che è arrivata, finalmente: magari si tratta proprio del vostro matrimonio oppure del matrimonio del vostro migliore amico/a al quale (o alla quale) volete fare un regalo indimenticabile.

Se non sapete bene come fare e magari avete paura di prendere la classica fregatura, qui di seguito vi offriamo tre consigli che potranno aiutarvi ad affrontare la situazione con maggiore tranquillità.

Noleggio limousine: consigli

La prima domanda che tutti si pongono, comprensibilmente, riguarda il costo, ma forse non è la domanda più importante alla quale rispondere. Certo, il prezzo è importante, ma siccome si tratta di un viaggio che quasi certamente non faremo più in vita nostra, non bisognerebbe badare a spese per il noleggio limousine.

Il primo consiglio che vi offriamo, messa da parte la questione prezzo, è di verificare se (specialmente nel caso in cui si affitti per mezzo del web) il sito che pubblicizza il servizio di noleggio di queste auto di lusso è di proprietà del titolare della macchina o no. Non è raro, infatti, che i siti internet promuovano servizi che appartengono ad agenzie esterne. Può accadere in altre parole che il cliente prenda accordi con intermediari e che poi il servizio effettivamente reso dal titolare della limousine non sia corrispondente alle condizioni concordate, per il semplice motivo ce il titolare non sapeva cosa fosse stato concordato con il cliente.

Ne discende, dunque, che il secondo consiglio in fatto di noleggio limousine è quello di parlare direttamente col titolare della vettura, a scanso di future delusioni e arrabbiature. Parlando col proprietario potrete sapere quali sono le tariffe di noleggio, quali modelli di limousine sono a disposizione, quali sono gli itinerari possibili e quali sono, pagando, gli eventuali servizi accessori.

Infine, accertarsi comunque e sempre delle credenziali della società di noleggio e di quelle dell’autista. Per quanto riguarda quest’ultimo, saranno fattori da considerare: la patente (B o C), l’abilitazione professionale obbligatoria (CK), infine, ma certo non ultime, la presenza personale e la simpatia.

Ultima modifica: 5 ottobre 2018