Multa per sosta con aria condizionata accesa

371 0
371 0

È stato uno dei casi più discussi della recente normativa del codice della strada ma di fatto, anche se è poco conosciuta, la multa per la sosta con l’ aria condizionata auto accesa è una sanzione assolutamente legittima che viene applicata dalle forze dell’ordine. Da almeno dodici anni il codice della strada prevede che nessuno possa sostare in auto con il motore acceso, a meno che non si tratti di un’auto pubblica di servizio o di un mezzo con funzioni di emergenza.

Normativa sulla sosta

Il codice della strada ha introdotto già dal 2007 un’estensione importante nell’articolo 157 che regolamenta la sosta di un veicolo: il comma 7-bis ha infatti aggiunto che se l’auto che staziona ferma, pur con le luci accese o con le quattro frecce inserite, può essere sanzionata con una multa dai 41 ai 168€, le auto ferme con il motore acceso e l’impianto di climatizzazione in funzione sono soggette a una sanzione più alta: da un minimo di 218 a un massimo di 435€.

Il perché è anche troppo chiaro: un’auto con il motore acceso inquina molto, oltretutto concentrando su un limitato perimetro il proprio gas di scarico, ma se l’impianto di climatizzazione è acceso il consumo sarà più significativo di pari passo con l’emissione di gas.

Auto ferma a motore acceso: le varie casistiche europee

La norma italiana di fatto si adegua a quelle che sono le indicazioni europee che arrivano dalle esperienze più significative che in Europa sono state quelle di Londra e Madrid. Londra è stata la prima città a sanzionare i veicoli fermi con il motore acceso con una legge cittadina molto restrittiva. Se un Bobby, il classico agente metropolitano londinese, sorprende una qualsiasi auto ferma con il motore acceso, anche un taxi, la sanzione è immediata. L’agente intima che il motore venga spento e poi presenta una multa da 20 pounds, una trentina di euro.

Si paga subito e in contanti e se non si paga l’auto non può ripartire e viene sottoposta a un fermo. Madrid ha seguito dopo pochi anni l’esempio di Londra: qui la multa arriva a sfiorare i 100€. Se l’auto è in movimento, in coda o in una lenta manovra di parcheggio si può presentare ricorso e difficilmente si avrà torto. Ma di fatto le sanzioni per situazioni di questo tipo, che riguardano l’inquinamento evitabile, saranno sempre più salate.

Ultima modifica: 4 settembre 2019