Motoslitta: quale patente serve e come ottenerla

343 0
343 0

La motoslitta è un mezzo molto particolare e affascinante ma estremamente specifico: così come non ci si può improvvisare alla guida di un mezzo pesante senza alcuna esperienza o qualifica non si dovrebbe salire su un mezzo che è molto potente e che sfugge a quelle che sono le abitudini tipiche delle auto e delle moto. Eppure nonostante diversi tentativi i legislatori non sono mai riusciti ad approvare quelle modifiche necessarie al codice della strada che includessero anche i mezzi della neve.

Patente motoslitta, cosa dice la legge?

Il primo tentativo andò fallito nel 2001: la proposta che non venne ratificata dal parlamento era quella di targare tutte le motoslitte con obbligo di assicurazione e di patente specifica per chi è alla guida. Ma i mezzi in questione erano talmente pochi, ed era estremamente complicato pensare di organizzare corsi per la patente in un paese dove si stava già facendo estremamente fatica a rendere la patente italiana al passo con quella europea tra sanzioni e punti e nuove norme per chi guidava la moto. Tutto venne rimandato ma passarono otto anni prima che un disegno di legge venisse presentato, un testo quasi identico a quello del 2001 che ricevette un’ulteriore stroncatura.

Nel frattempo però la situazione era completamente cambiata perché i mezzi erano notevolmente aumentata e in molte località invernali, anche per via della deregulation, veniva consentito il noleggio di motoslitta anche a chi non aveva la minima idea di che cosa stesse guidando.

Guidare la motoslitta

Un ulteriore disegno di legge fu ipotizzato nel 2015 anche perché nel frattempo si cominciavano a registrare i primi incidenti; sul Cermis durante un’escursione si registrarono anche alcuni morti. Il clamore sui giornali generò la reazione del parlamento che però rimandò ancora il disegno di legge tanto che saltò definitivamente. Nel frattempo è stato imposto un semplice regolamento che viene modificato secondo le disposizioni della polizia locale dai vari comuni interessati: fondamentalmente chiunque sia maggiorenne e in possesso di una normalissima patente B può guidare qualsiasi genere di motoslitta, senza nessuna limitazione per potenza e cilindrata.

La targa dei mezzi non è ancora stata introdotta, l’assicurazione invece è diventata obbligatoria con ulteriori estensioni soprattutto per chi noleggia questo genere di mezzi. I comuni intervengono per evitare che la motoslitta venga usata di notte, fuori dalle piste battute: la polizia – a sua volta equipaggiata con motoslitte – può intervenire se riscontra un comportamento irregolare o pericoloso dei conducenti con sanzioni pesanti… ma di fatto regna la deregulation e se per le moto d’acqua, per esempio, sono stati predisposti, corridoi di sicurezza e velocità di rispetto, per le motoslitte tutto è demandato alle autorità locali.

Ultima modifica: 6 novembre 2019