Moto in autostrada: quali possono entrare

327 0
327 0

A differenza di quanto si possa pensare, ci sono alcuni ciclomotori che sono autorizzati a circolare nelle autostrade. Ma quali sono le moto in autostrada? Non è una questione di tipologia, moto o scooter, ma solo ed esclusivamente di cilindrata. Molti poi con la due revisioni della tipologia di patente che ha ammesso a tutti coloro i quali avevano conseguito la patente B prima del 1986 anche alla guida dei mezzi per i quali è stata in seguito prevista la patente A, hanno fatto confusione.

Moto ammesse in autostrada

Facendo un po’ di chiarezza. Oggi in Autostrada sono ammesse solo le moto e gli scooter che hanno un motore superiore ai 150cc, indipendentemente dal numero di kW che questo eroga. Non ci sono deroghe e non ci sono eccezioni: chi viene sorpreso su una strada a scorrimento veloce, e quindi non solo le Autostrade che prevedono ancora il pedaggio ma anche i tratti urbani che sono stati affrancati, come le tangenziali, rischia una multa pesantissima e il sequestro del mezzo.

Negli ultimi anni molti hanno obiettato che i mezzi a due ruote si sono notevolmente evoluti e che questa limitazione comincia ad avere poco senso, in modo particolare sulle tangenziali. Ma è chiaro che un motorino 50cc, per quanto brillante, non avrà mai la capacità di fuga e l’elasticità per non essere un impedimento. Il ragionamento è evidente: evitare che Autostrada entrino mezzi leggeri troppo lenti che possano essere un pericolo per se stessi e per gli altri.

Patente per moto in autostrada

Per quanto riguarda le patenti, anche qui, molti fanno confusione: la patente A, oggi definita AM, prevede un esame e abilita alla guida dei motocicli, siano essi scooter o moto. Ci sono diverse tipologie di patente A che possono essere prese allo scadere del 21esimo anno di età (Patente A per chi ha una patente A2 da almeno due anni) o dal 24esimo anno di età (per guidare qualsiasi tipo di moto indipendentemente da cilindrata e potenza). Insomma, per chi parte dal gradino più basso. Il cinquantino potrebbero anche occorrere fino a dieci anni prima di essere abilitati alla guida di una moto importante e di peso.

Sono cambiati radicalmente anche gli esami che, esattamente come per le auto, prevedono lunghe prove pratiche anche in autostrada qualora il richiedente abbia il mezzo adatto e sia nelle condizioni di poterlo guidare.

Attenzione poi alle strade assimilate: così sono definite le strade a scorrimento veloce (cartelli blu, come le statali e non verdi, come le autostrade) che non sono ammesse a motocicli di cilindrata inferiore ai 150cc. Queste strade a ogni svincolo di ingresso riportano chiaramente i divieti a bici, pedoni e motocicli sotto i 150cc. Attenzione a non fare confusione con un altro divieto che blocca l’accesso a mezzi di cilindrata inferiore ai 250cc. Si tratta di motocarrozzette, i cosiddetti sidecar che non sono da confondere con le normali moto.

Ultima modifica: 21 agosto 2019