Mercedes: origine del simbolo e del logo

889 0
889 0

Molti hanno pensato che il simbolo della Mercedes, forse perché posizionato al culmine del radiatore, proprio come impugnatura del tappo, fosse una sorta di ‘mirino’ e che in definitiva quello fosse il suo significato. In realtà non è assolutamente così…

Il simbolo di una fusione

Nata da una grande fusione industriale, la Mercedes è in realtà il prodotto dell’unione tra Mercedes e Benz: il primo era il marchio del colosso tedesco Daimler mentre il secondo riportava il nome di Karl Benz, genio dell’ingegneria che dalla produzione di biciclette e velocipedi arrivò rapidamente a dominare un intero mercato.

La prima guerra mondiale mise in seria difficoltà sia la Daimler che la Benz che furono definitivamente scosse dalla grave crisi economica della Grande Depressione che sarebbe poi culminata con il crollo di Wall Street. La Mercedes-Benz nacque di fatto nel 1926 e non è un caso che la sua crescita esponenziale sia coincisa con l’ascesa fascista. Hitler amava le belle macchine e la Mercedes indiscutibilmente produceva splendide vetture.

Nell’immaginario del Fuhrer se la Volkswagen rappresentava l’auto ideale per il popolo tedesco, la Mercedes era il mezzo di lusso con il quale si spostava la dirigenza del paese con i suoi gerarchi in testa.

Una stella a tre punte in una corona d’alloro

Il marchio è in definitiva una splendida e attualissima sintesi dei due loghi originali: la Daimler aveva la stella a tre punte, nata – si dice – disegnando l’esplosione di una particella di combustibile. La Benz ra rappresentata invece da una corona d’alloro perfettamente rotonda. Incastonando il simbolo della Daimler in quello della Benz nasce il logo così come lo conosciamo oggi.

Un autentico trofeo negli anni ’80 quando a seguito della moda rap non c’era macchina che riuscisse a salvare la famosa borchia sul radiatore che finiva al collo di artisti e rivoluzionari creativi. Tanto da costringere la Mercedes a correre ai ripari stampando il suo logo su maschere e cofani evitando la tentazione nei vandali a caccia di un trofeo.

Oggi il marchio ha seguito, un po’ come tutti i brand internazionali, una scelta più moderna, creativa ed essenziale ed è stato più volte stilizzato. Al momento la scelta è quella di mantenere il cerchio esterno perfettamente rotondo ma senza le caratteristiche foglie d’alloro. In futuro non è escluso che il cerchio, seguendo una linea più azzardata e aerodinamica possa farsi anche ellittico e allungato, secondo uno studio grafico che Mercedes ha effettuato a più riprese senza tuttavia adottarlo mai.

Ultima modifica: 18 gennaio 2020