Manutenzione sella moto: come farla e perchè

530 0
530 0

In pochi se ne ricordano al momento di dover indicare un componente fondamentale del nostro mezzo a due ruote. Tutti partono dal motore, qualcuno tiene in considerazione pneumatici e freni, la carrozzeria sta a cuore ai patiti dell’estetica. Ma quanti possono negare che nessun viaggio in motorino, neanche il più semplice e breve, può prescindere da una sella in perfetta efficienza? E’ il punto d’appoggio del nostro corpo sullo scooter, non può non essere comoda e curata. E’ opportuno dunque non sottovalutare la manutenzione della sella del vostro motorino. Vi proponiamo alcuni semplici consigli.

La pulizia non è soltanto un fatto estetico

Storicamente le sedute dei motorini sono realizzate in pelle naturale. Si tratta infatti di un materiale che ben si presta alla funzione in virtù della sua elasticità, della capacità di reagire bene agli sbalzi di temperatura e della comodità. Nel tempo però, con le sviluppo delle tecnologie e la sperimentazione di nuovi materiali, si è intensificato il ricorso a soluzioni diverse come le coperture sintetiche o miste. In tutti i casi, comunque, per mantenere condizioni di guida ottimali è necessario curarne la manutenzione. A partire dalla pulizia della sella che non garantisce soltanto una migliore qualità estetica ma anche la durata nel tempo.

Prima di procedere alla igienizzazione è opportuno individuare con precisione il materiale con il quale è realizzato il componente. Solitamente se ne trova indicazione nella parte interna o in una etichetta posizionata nel margine basso. Se si tratta di un modello tradizionale, con molta probabilità la sella sarà realizzata in pelle naturale. In tal caso bisognerà utilizzare un detergente apposito, per evitare di rovinare la pelle. Ne possiamo trovare di buonissimi nei negozi specializzati in ricambi per auto e moto, o semplicemente nel… ripostiglio di casa. Può rivelarsi adatto alla bisogna, infatti, anche quel prodotto che utilizziamo per pulire il divano di casa e le poltrone del salotto.

Per non rischiare di provocare scoloriture o chiazze inestetiche dobbiamo assicurarci che si tratti di un prodotto garantito per l’utilizzo anche in spazi esterni. Bisogna fare inoltre attenzione al materiale di cui è fatto il panno che utilizzeremo per distribuire il prodotto pulente sulla sella. Andrete sul sicuro ricorrendo alla classica pelle di daino che è gettonatissima anche per la pulizia dell’abitacolo e per asciugare la carrozzeria dopo il lavaggio. Essendo leggermente abrasiva, rimuoverà lo sporco senza provocare danni alla seduta. In alternativa può andar bene anche un prodotto come il silicone spray che forma un sottile film protettivo sulla sella. In tal caso però facciamo attenzione a rimuovere gli eccessi di prodotto prima di partire, per evitare che risulti scivolosa e potenzialmente pericolosa.

Ultima modifica: 15 marzo 2021