Come mantenere la calma nel traffico

1469 0
1469 0

Esistono situazioni che proprio non possono essere evitate, come ad esempio affrontare ogni mattina il traffico nel tragitto casa – lavoro, o casa – scuola dei figli. A questi, si aggiungono poi degli imprevisti, come una coda chilometrica dettata da un incidente o da un cantiere. Che questo capiti in autostrada o in un centro urbano, poco cambia. La reazione più diffusa è un senso di disagio misto a rabbia e frustrazione.

E’ in questi casi che mantenere la calma diventa quasi impossibile e qualunque gesto estraneo può influire sul nostro umore amplificando reazioni che in condizioni normali neppure esisterebbero. E si può rischiare tanto, magari incontrando qualcuno che ha qualche frustrazione in più e una scarsa propensione all’autocontrollo, vuoi per carattere, vuoi per cultura, vuoi per abitudine a scaricare sugli altri anche in maniera violenta le proprie difficoltà irrisolte.

Quando manca la pazienza nel traffico

Restare imbottigliati nel traffico quando si ha qualche commissione urgente da fare può mettere a dura prova chiunque. Oltre a rischiare di rimanere invischiati in liti dalle conseguenze imprevedibili, anche la distrazione può causare incidenti che altrimenti potrebbero essere evitati.

Il primo consiglio, il più naturale e scontato, è armarsi di pazienza, tanta. Ma se proprio non si ha questa dote, è bene ricorrere a qualche stratagemma per ingannare attese inutili e noiose in uno spazio così ridotto come l’abitacolo di un’auto. Prima regola: non mettersi mai alla guida se non si dispone della musica preferita che aiuti anche a rilassarsi.

Alle volte seguire il testo di una canzone, richiamare momenti vissuti piacevoli può aiutare ad allontanare lo stress da traffico. Nel caso la musica non sia la miglior fonte di ispirazione, anche la radio, magari con programmi a conduzione parlata che coinvolgano piacevolmente l’ascoltatore possono essere un’utile distrazione.

Lo smartphone non è un buon compagno di viaggio

In ogni caso allontanate l’idea malsana di un giochino arcade sullo smartphone, o peggio ancora di sfruttare i tempi morti per messaggiare o telefonare. Non è soltanto vietato dal codice della strada, ma lo smartphone per quanto sia diventato negli ultimi anni un insostituibile compagno, è anche la causa principale di incidenti stradali.

Meglio mantenere le distanze di sicurezza, non soltanto dai veicoli che ci precedono o ci seguono, ma soprattutto da quegli automobilisti che risentono allo steso modo, se non peggio dello stress da traffico. Basta un piccolo gesto a scatenare reazioni inconsulte.

Il traffico può anche scatenare autentici attacchi di panico in automobilisti particolarmente sensibili. Se sentite di appartenere a questa categoria evitate di bere caffè o alcool prima di mettervi alla guida, di prendere farmaci che possano influire sul vostro stato d’animo, tenete sempre una bottiglia di acqua con voi, perché bere aiuta a distrarsi. E cercate di apprendere tecniche di respirazione che possano aiutarvi a superare questi stati d’ansia.

Ultima modifica: 5 novembre 2018