Come fare le partenze in salita con cambio manuale

2704 0
2704 0

Rappresenta uno degli ostacoli che all’inizio sembrano insormontabili per i neofiti, le partenze in salita con cambio manuale non sono difficili.

In molti casi si presenta come un vero e proprio incubo anche per chi ha qualche anno di guida alle spalle, la partenza in salita, rappresenta una delle difficoltà che si possono incontrare guidando un veicolo, ma come in tutti i casi non si tratta di una difficoltà insormontabile.

I moderni sistemi di assistenza in salita presenti in molte auto, chiamati Hill Holder, specie se collegati a cambi automatici, permettono una partenza facilitata e agevolata, grazie a un sistema che permette di non far scivolare il veicolo indietro per un paio di secondi dopo che si è rilasciato il pedale del freno.

Questo sistema permette di eliminare alla radice un’azione dal complesso meccanismo di pedali da mettere in atto in sede di partenza in salita, cioè quella del freno e permette di concentrarsi su acceleratore e rilascio della frizione.

Ma non tutte le auto sono dotate di Hill Holder e quindi bisogna fare pratica con quello che è lo scoglio della partenza in salita.

Come effettuare una partenza in salita

Quando si ha a disposizione non dotata di assistenza alla partenza in salita e dove è installato di serie un cambio manuale, bisogna approntare la giusta tecnica per partire in salita.

Innanzitutto bisogna prendere coscienza col fatto che maggiore sarà la pendenza, maggiore sarà il rischio di scivolamento all’indietro dell’auto, ma questo è un dato che non deve spaventare. La chiave sta in una sorta di bilanciamento tra il rilascio della frizione e del gas, che in questo caso deve essere maggiore rispetto alle normali partenze in piano.

Uno dei migliori consigli è operare una sorta di Hill Holder ‘a mano’, ossia utilizzando il freno di stazionamento; nel momento in cui si rende necessaria la partenza bisogna staccarlo e, con la prima marcia inserita, dare un po’ di gas in più per evitare che l’auto si spenga.

Nel caso in cui al primo tentativo la partenza non riesca, si può sempre ricorrere nuovamente al freno di stazionamento, la cosa importante rimane sempre operare le azioni in sincronia e senza farsi prendere dal panico.

Una quantità maggiore di accelerazione è necessaria perché la vettura ha bisogno di poter contare su di un livello di potenza superiore per poter affrontare il piccolo scoglio che è dato dalla pendenza. Pensare di poter partire con la stessa dose di gas che si utilizza in pianura non è corretto e tenderà a far spegnere la vettura.

Ultima modifica: 29 gennaio 2018