Come iscriversi all’esame teorico della patente

1396 0
1396 0

L’esame teorico della patente è uno dei due esami fondamentali per poter conseguire la patente. Chiunque voglia lanciarsi in questa sfida e ottenere il permesso di poter circolare liberamente in auto deve sapere in cosa consiste l’esame teorico e come fare per iscriversi.

Cosa fare per ottenere la patente

Per coloro che desiderano conseguire la patente, è obbligatorio sostenere due esami. Il primo è un esame teorico, il cui obiettivo è verificare che il candidato sia a conoscenza del Codice della strada, assicurandosi che sappia dunque riconosce i segnali e come comportarsi nelle più diverse situazioni. Il secondo, invece, è un esame pratico, il cui obiettivo è verificare le capacità del candidato nel traffico. Quest’ultimo esame, però, non può essere sostenuto se non si è passato quello teorico.

Ma che cosa si deve fare per sostenere l’esame teorico? Per prima cosa occorre studiare: anche l’automobilista più navigato potrebbe infatti non essere in grado di rispondere correttamente alle domande dell’esame, che, diciamolo, non sono mai così semplici. Quindi, prima di presentarsi all’esame, è bene studiare e prepararsi ai quiz. Ma, ancor prima, occorre iscriversi all’esame teorico. Ecco come fare.

Scuola guida o da privato?

Per conseguire la patente ci sono due strade: ci si può iscrivere presso una scuola guida, oppure, ci si può presentare direttamente alla motorizzazione, naturalmente nei giorni in cui è fissato l’esame teorico. Naturalmente si tratta di due strade molto diverse tra loro: nel primo caso è la scuola a pensare a tutto, offrendo un pacchetto di lezioni prima teoriche e poi pratiche, con istruttori al fianco del candidato.

Se si sceglie la via del privatista, invece, si sta optando per la modalità fai da te. Dunque non sono previste lezioni e occorre studiare da soli per superare l’esame teorico. Poi, per quando si dovranno fare le guide pratiche, sarà necessario l’aiuto di un familiare che abbia la patente da almeno 10 anni, ma che non ne abbia compiuti più di 70. Naturalmente le due soluzioni sono molto diverse tra loro anche nei prezzi: la scuola guida costa sicuramente molto di più ma offre maggiori garanzie.

L’iscrizione all’esame teorico è cosa facile

Tornando all’iscrizione agli esami, se si è optato per la strada della scuola guida, non occorre fare praticamente nulla: sarà l’organizzazione stessa a provvedere, comunicando al candidato il luogo e l’ora a cui si deve presentare per sostenere l’esame teorico.

Quanto ai privatisti, è necessario iscriversi in autonomia presso la motorizzazione. Una volta stabilita la data, sarà possibile iscriversi all’esame teorico pagando un apposito bollettino: si tratta di cifre decisamente più contenute rispetto alla scuola guida, ma naturalmente non si ha nessun supporto.

Ultima modifica: 5 settembre 2021