Gli incentivi auto della legge di bilancio 2022

1269 0
1269 0

Già dalle prime battute ed in attesa del definitivo dpcm che avrebbe dovuto rendere ufficiale la proroga degli incentivi auto 2022, erano evidenti alcune importanti novità in materia, ovvero riguardanti il nuovo ecobonus auto. Di seguito ecco come funziona questo incentivo e quali modelli di auto ibride ed elettriche beneficiano del bonus.

Impianto della proroga incentivi auto 2022

All’inizio, si sapeva che il fondo per gli incentivi auto sarebbe stato finanziato, secondo le notizie più accreditate, con circa 700 milioni per tutto il 2022 e che poi sarebbe stato ulteriormente rafforzato con 1 miliardo circa per gli anni dal 2023 al 2030. Gli eco incentivi auto, quindi, avrebbero dovuto contare su 650 milioni di euro nel 2022, di cui 250 destinati forse alle auto elettriche, 250 alle ibride plug-in e 150 milioni alle auto termiche a basse emissioni.

Tra le novità degli incentivi auto 2022, quindi, si pensava già che avrebbe potuto esserci il ritorno alle agevolazioni anche per le auto endotermiche a patto, però, che queste ultime rispettassero alcuni limiti di emissioni di anidride carbonica. Tuttavia, secondo le prime notizie in merito e relativamente all’anno 2022, i fondi dell’ecobonus auto 2022 avrebbero dovuto essere così suddivisi:

  • auto con emissioni 0-20 g/km di Co2: 6.000 euro con rottamazione e 4.000 euro senza (auto elettriche);
  • auto con emissioni 21-60 g/km di Co2: 4.000 euro con rottamazione e 2.000 euro senza (ibride plug-in);
  • auto con emissioni 61-135 g/km di Co2: 2.000 euro solo con rottamazione (auto full e mild hybrid ma anche a benzina, diesel, metano e gpl).

Già ad inizio anno però, ci si chiedeva quali veicoli si sarebbero potuti rottamare con gli incentivi auto 2022. Secondo le primissime indiscrezioni in merito, si sapeva che avrebbero potuto beneficiare dell’ecobonus auto anche i veicoli rottamati fino alla classe euro 5 (e non solamente fino a euro 4 come in precedenza) e questo senza previsione di limiti sulla classe di immatricolazione.

Si aggiungeva a questi primi dati il fatto che, per usufruire dell’ecobonus auto 2022, il veicolo beneficiario avrebbe dovuto essere intestato all’acquirente del nuovo, oppure a un familiare con lui convivente da almeno 12 mesi. Per quanto riguarda i tetti di spesa con gli incentivi auto, la previsione era di 35mila euro + IVA e di 45mila + IVA in base alle fasce di emissione.

Nuovi incentivi a maggio 2022: a chi spettano e come chiederli

Dal 16 maggiodi quest’anno è possibile ottenere gli incentivi auto 2022 per veicoli poco inquinanti: la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto riguardante la misura permette da subito di applicare gli sconti nei contratti d’acquisto. Le richieste ufficiali però potranno essere presentate dal 25 maggio sulla apposita piattaforma ecobonus del Mise – Ministero dello Sviluppo economico, raggiungibile al sito ecobonus.mise.gov.it .

Gli incentivi auto ovviamente fanno parte di una misura che comprende anche i benefici per chi acquista moto non inquinanti. Gli obiettivi di questa iniziativa di sostegno economico sono indirizzati alla sostenibilità ambientale (si veda anche tra le “misure green” il bonus fotovoltaico o il bonus trasporti pubblici, una misura a sostegno del reddito come il bonus 200 euro pensionati e lavoratori o lo stesso reddito di cittadinanza). Ecco di seguito quali sono tutti gli incentivi auto disponibili e come fare per richiederli.

Come ottenere gli incentivi auto 2022

I cittadini interessati possono richiedere gli incentivi auto a partire dal 25 maggio 2022 sull’apposita piattaforma ecobonus predisposta dal Mise. Tuttavia, come riporta il testo legislativo in Gazzetta Ufficiale, già dal 16 maggio i contratti d’acquisto effettuati contemplano la possibilità di accedere alla misura, fino a esaurimento fondi.

Come funzionano gli incentivi auto elettriche

Per tutte le auto elettriche sono previsti finanziamenti per

  • 220 milioni di euro nel 2022
  • 230 milioni di euro nel 2023
  • 245 milioni di euro nel 2024.

Secondo il decreto, per le auto elettriche (quindi categoria M1 nella fascia di emissioni 0-20 g/km), che hanno un prezzo di acquisto fino a 35 mila euro + Iva, si può chiedere un incentivo di 3.000 euro, più altri 2.000 euro se al contempo viene rottamata un’auto di classe inferiore a Euro5.

Bonus auto 2022: categoria ibride plug-in

Per le vetture ibride plug-in, sono stanziati invece i seguenti fondi:

  • 225 milioni di euro nel 2022
  • 235 milioni di euro nel 2023
  • 245 milioni di euro nel 2024

Si tratta dei veicoli compresi nella categoria M1 nella fascia di emissione 21-60 g/km, con un prezzo fino a 45.000 euro + Iva. Nel caso si acquisti una di queste vetture, si potranno chiedere incentivi per 2.000 euro più altri 2.000 per rottamare in contemporanea un veicolo di classe inferiore a Euro5.

Agevolazioni economiche per auto endotermiche a basse emissioni 

Per l’acquisto di veicoli endotermici a basse emissioni sono stati previsti e stanziati:

  • 170 milioni di euro nel 2022
  • 150 milioni di euro nel 2023
  • 120 milioni di euro nel 2024

Per veicoli endotermici a basse emissioni si intendono quelli compresi nella categoria M1 nella fascia di emissioni 61-135 g/km, con prezzo fino a 35.000 euro + Iva: in questo caso si possono chiedere fino a 2.000 euro di contributi se contemporaneamente dovesse essere rottamata un’auto di classe inferiore a Euro5.

Il Bonus per i furgoni 2022

Gli incentivi fin qui descritti sono destinati alle persone fisiche. Per le persone giuridiche e Piccole e medie imprese che si occupano di trasporti, sono previsti altri incentivi per acquistare veicoli commerciali N1 e N2 elettrici con contestuale rottamazione di veicolo di classe inferiore a Euro4. Ecco di seguito nello specifico quali sono questi vantaggi previsti nella legge di bilancio 2022.

Incentivi auto elettriche PMI

Ecco allora nel dettaglio quali sono esattamente i fondi stanziati per le specifiche categorie di impresa. Per le PMI sono previsti incentivi per mezzi di categoria N1 ed N2 elettrici:

Categoria N1 elettrici:

  • fino a 1,5 tonnellate: incentivo 4.000 euro
  • più di 1,5 tonnellate fino a 3,5 tonnellate: incentivo 6.000 euro

Categoria N2 elettrici:

  • Più di 3,5 tonnellate e fino a 7 tonnellate: incentivo 12.000 euro
  • Più di 7 tonnellate e fino a 12 tonnellate: incentivo 14.000 euro.

Ultima modifica: 2 giugno 2022