Immatricolazione auto: come funziona

15719 0
15719 0

Immatricolazione auto, come funziona? Nel momento in cui si acquista un veicolo dal concessionario sarà il venditore il delegato alla raccolta di tutta la documentazione che serve e, quindi, con l’ausilio di agenzie esterne che si occuperanno dell’iter burocratico, finalizzerà l’iscrizione dell’automobile presso il P.R.A. (Pubblico Registro Automobilistico).

Immatricolazione auto, i documenti necessari

 

Nel momento dell’acquisto del veicolo bisognerà essere in possesso dei documenti seguenti: il proprio codice fiscale, la carta d’identità valida, una dichiarazione sostitutiva della certificazione di residenza (modulo TT2120) che sarà fornito direttamente dal concessionario. A quel punto, sarà compito del concessionario produrre tutti gli altri documenti ritenuti indispensabili per poter far, effettivamente, partire l’immatricolazione auto.

Immatricolazione auto, il procedimento per ottenerla

 

Bisogna consegnare allo S.T.A. (Sportello Automatico dell’Automobilista), oltre alla documentazione strettamente personale e a quella ottenuta dal concessionario, anche il modello NP2C (NP2D nel caso sia presente, nella transazione, un atto di vendita), reperibile presso il sito web della Motorizzazione Civile ma anche presso gli uffici del medesimo Sportello. Quindi, andrà consegnata la dichiarazione di conformità del veicolo e la ricevuta che dimostri come si siano pagate le tasse per il veicolo nuovo.

Immatricolazione auto, costi e tempistiche

 

I costi per l’immatricolazione auto sono stabiliti dalla Legge e non sono uguali per tutti. Varieranno, infatti, in base alla provincia di residenza del proprietario dell’auto da immatricolare e dalla tipologia di vettura che si acquista. Bisognerà, comunque, versare € 27,00 all’A.C.I. (Automobile Club d’Italia), pagare € 32,00 di bollo per l’iscrizione al P.R.A ed altrettanti per il rilascio della carta di circolazione. Quindi, andranno versati € 10,20 di diritti D.D.T. (diritti di trasporto) e, infine, l’imposta provinciale di trascrizione ed il costo delle targhe che, come abbiamo visto, non sono emolumenti fissi. In breve: per immatricolare un’utilitaria ci vorranno € 350,00 circa. Nel giro di 3 giorni lavorativi il procedimento sarà andato a buon fine e, a quel punto, si avranno 2 mesi di tempo per iscrivere il veicolo al P.R.A.

Immatricolazione auto, sanzioni ed eccezioni

 

L’immatricolazione auto è obbligatoria per legge: i trasgressori rischiano dai € 422,00 di multa (sanzione minima) al sequestro del veicolo (sanzione massima). Se si registra poi l’auto al P.R.A., una volta superato il termine dei 60 giorni si pagherà una sanzione corrispondente al 30% dell’imposta provinciale di trascrizione più interessi. Non possono essere immatricolati mediante lo S.T.A. i veicoli da San Marino, Gibilterra e Isole Canarie, nonché i rimorchi di massa complessiva compresa tra le 3,5 e le 6 tonnellate e le macchine agricole o operatrici.

Ultima modifica: 25 agosto 2017