Harley Davidson, i modelli migliori di sempre

1200 0
1200 0

Sono passati 115 anni da quando la casa di Milwaukee mise sul mercato quella che somigliava più a una bicicletta a motore, che a una moto. Ma da allora Harley Davidson di strada ne ha fatta davvero tanta.

Sono milioni e milioni sparsi in tutto il mondo gli appassionati delle moto più iconiche della storia. Un primato che non è stato mai insidiato, neppure da altri miti come Moto Guzzi, che pure in passato ha conquistato il mercato americano, al punto di aggiudicarsi la fornitura delle motociclette per la polizia di Los Angeles.

Le Harley Davidson più amate dai divi di Hollywood

Le Harley Davidson resteranno immortali per le tante immagini impresse in film che hanno fatto la storia del cinema. Per i tanti divi hollywoodiani che le hanno amate ed esibite anche fuori dal set.

Per quella naturale ed esclusiva capacità di essere personalizzate al punto di diventare, seppure prodotte in serie, moto uniche, assolutamente originali. Si dice siano moto per uomini duri eppure una Harley Davidson 750 Lateral dal 1968 è entrata nella storia come una moto “sexy”, di una femminilità esplosiva, come quella della dive che l’ha usata in un video musicale ormai cult.

Era Brigitte Bardot all’apice del suo successo, icona di stile di femminilità di fascino che cantava appunto “Harley Davidson”, canzone scritta da Serge Gainsbourg.

Musica e Harley Davidson erano già un binomio straordinario grazie a un mito del rock che ha sempre amato queste moto e ne ha possedute diverse. Parliamo di Elvis Presley.

Forse le foto più famose del cantante di Memphis sono con una chitarra elettrica, con un microfono e con una Harley Davidson. La prima risale ai suoi venti anni e non era di certo una delle più costose, ma Elvis non era ancora il re del rock e potè permettersi con i primi incassi una ST 165.

Pochi anni dopo la sua musica aveva già conquistato un’intera generazione e poté permettersi una Harley Davidson KH del 1956, che mise a riposo un anno dopo per passare alla FLH con la quale andava in giro assieme alla fiamma del momento, la bellissima attrice Natalie Wood, già celebrata in “Gioventù Bruciata” accanto a James Dean.

E anche il biondo e sfortunato attore protagonista del film del 1955 amava alla follia le Harley Davidson, divenute icona proprio di quella gioventù libera e ribelle.

Anche James Dean ha montato una FLH per correre sui viali di Los Angeles, alternandola a una Porsche. E come non citare anche il primo dei grandi attori di Hollywood che si fece immortalare in sella a una Harley Davidson.

Una Harley Davidson da un milione di dollari

Clark Gable aveva già interpretato il kolossal Via col Vento. e la sua RL-Davidson è diventata in poco tempo la preferita tra gli appassionati della casa di Milwaukee.

Ma proprio quella RL è entrata nei sogni di tanti, al punto che quando è andata all’asta nel 2007, ancora perfettamente funzionante, è stata pagata diverse centinaia di migliaia di dollari.

Non certo la cifra record pagata per la più iconica di queste moto. La Capitan America, battezzata così per il serbatoio a stelle e strisce, guidata da Peter Fonda nel film “Easy Rider” è stata battuta all’asta nel 2015 per 1 milione e 350 mila dollari e venduta a un collezionista americano che ha mantenuto l’anonimato assoluto.

Ma il film cult dei bikers di tutto il mondo che amano le Harley Davidson resterà “Hell’s Angels on Wheel” con Jack Nicholson e tanti modelli, come la Sportster, la Panhead, la KH del 56 e la FL Duo Glide, che usava la polizia.

Il connubio tra alcuni film e alcune moto è così forte che viene spontaneo chiedersi se sia stato il film a fare il successo di Harley Davidson o se, viceversa, alcuni film non avrebbero avuto tanto clamore se di mezzo non ci fosse stata una HD.

E’ un esercizio senza soluzione ma sicuramente alcuni modelli della casa di Milwaukee avrebbero conquistato il mercato mondiale comunque. Restano moto per pochi e a fare la differenza è sicuramente il prezzo.

Costano decisamente più della media, ma il loro è anche un valore intrinseco, dato da un perfetto equilibrio tra innovazione tecnologica, qualità, tradizione e personalizzazione.

Harley Davidson, la più costosa

E’ difficile trovare una Harley Davidson che sia uguale in tutto e per tutto a un’altra. Una delle più amate di sempre è sicuramente la Electra Glide. Ed è anche una delle più costose, se non la più costosa.

Ma ha anche un altro primato che spiega tanto successo dal 1965 a oggi. E’ di sicuro la migliore per affrontare un lungo viaggio. Confortevole e affidabile, una compagna ideale per un’avventura on the road inseguendo i miti del cinema.

Per chi ha un budget più contenuto, ma vuole assicurarsi un pezzo di storia della casa di Milwaukee la Harley Davidson Sportster 883 è un obiettivo abbordabile ormai dal 1957.

Ma non è soltanto il prezzo, e nemmeno la semplicità d’uso rispetto ai modelli più potenti e ingombranti a fare di questa moto un esemplare tanto desiderato. Sono sicuramente le linee pulite e senza tempo che mantengono intatto il fascino tra tante generazioni di bikers.

Ma se è il custom ad abitare i vostri sogni, tra le Harley Davidson più agognate c’è la Heritage Softail Classic. Custom per eccellenza se si guarda al manubrio così alto, alla sella tanto spaziosa, alle pedane così comode. Il viaggio non sarà mai lungo abbastanza per apprezzare il comfort di questa moto.

Ricerca e innovazione nelle Harley Davidson

In anni più recenti, e parliamo del 2001, la casa di Milwaukee ha espresso il top della ricerca e dell’innovazione con la V-Rod Muscle. E’ il design così equilibrato a conquistare gli appassionati che hanno apprezzato anche il motore così potente uscito da una collaborazione con Porsche.

L’ultimo modello da citare doverosamente è di certo la Road King Classic. Il nome svela tutti i motivi del suo successo. E’ una moto nata per i grandi viaggi, che avvolge chi la guida.

Monta un comodissimo e ampio parabrezza, pensato per resistere anche a condizioni meteo proibitive. Ed è fatta per portare anche un po’ di bagaglio senza perdere di equilibrio e di linea, grazie a splendide e confortevoli borse laterali. Per rendere la guida ancor più piacevole gli ultimi modelli dispongono anche del Cruise Control.

 

Ultima modifica: 16 aprile 2019