Ganasce freni: come funzionano e perché si rovinano

7908 0
7908 0

Il sistema di frenatura a ganasce rappresenta una delle soluzioni attualmente utilizzate dall’industria automobilistica per quanto riguarda la frenatura dell’auto; il loro debutto è avvenuto parecchi decenni fa e le migliorie apportate nel corso del tempo hanno fatto sì che questo sistema venga attualmente utilizzato su numerosi modelli di auto. Ma andiamo a guardare da vicino il loro funzionamento.

Le ganasce non sono altro che due fasce di metallo poste all’interno di un tamburo (un cilindro di metallo) che gira insieme alla ruota, queste fasce sono collegate a dei cilindretti idraulici, ossia sono comandati dalla pressione dell’olio. Quando andiamo a premere sul pedale del freno della nostra auto la pressione dell’olio (contenuto in un’apposita vaschetta posta nel vano motore) fa in modo che i cilindretti spingano le ganasce contro i laterali del tamburo facendo avvenire in tal modo la frenatura. Quando il pedale viene rilasciato delle apposite molle di richiamo fanno tornare le ganasce nella posizione iniziale, detta “di riposo”.

Questo sistema di frenatura abbastanza semplice ed efficace possiede pregi e difetti:

  • Si tratta di un sistema di frenatura “lento”, rispetto al sistema a disco ha minore prontezza di efficacia, ad esempio un ostacolo improvviso ha bisogno di qualche metro in più di strada per essere evitato;
  • la sua lentezza è compensata dalla sua efficacia anche su auto dal peso notevole, non per niente è il sistema di frenatura utilizzato per i mezzi pesanti (anche se in quel caso la pressione è pneumatica e non idraulica);
  • possiede minori costi di realizzazione e manutenzione rispetto ai dischi e godono di una discreta durata nel tempo (ovviamente considerato l’utilizzo personale che si fa dell’auto).

Usura delle ganasce

Ma come avviene l’usura delle ganasce? Trattandosi di un sistema abbastanza semplice e meccanico l’usura principale è quella da “contatto”, ossia lo spessore del metallo di cui sono composte le ganasce via via con l’utilizzo si erode fino a diventare sottile ed inefficace; in quel caso si deve provvedere alla loro sostituzione presso un’officina meccanica. Ovviamente parlare di tempistica o chilometraggio intercorrenti tra due sostituzioni è pressoché inutile e fuorviante trattandosi di un argomento strettamente legato all’utilizzo specifico che si fa della propria auto. Rimane chiaro che un’auto utilizzata prevalentemente in città vedrà le ganasce consumarsi in minor tempo rispetto ad un’altra vettura utilizzata prevalentemente su percorrenze autostradali, dove l’utilizzo del freno è in misura nettamente inferiore.

 

Ultima modifica: 10 maggio 2017