Come funziona la delega targa di prova

273 0
273 0

Avere una targa di prova, significa essere in possesso di una targa provvisoria, un permesso che viene normalmente richiesto per tutti quei veicoli che si trovino a circolare sulle strade pubbliche per necessità particolari. Può trattarsi del caso di un collaudo su strada, di un’esibizione o anche di un trasferimento. Per ottenere questa etichetta temporanea, oltre a dover rispondere ai requisiti stabiliti, è necessario seguire un determinato iter burocratico e presentare la richiesta corredata di tutta la documentazione necessaria presso gli sportelli della motorizzazione competente. La targa di prova ha la validità di un anno ed è nominale e, con l’apposita autorizzazione, può essere spostata da un veicolo ad un altro.

Targa di prova, come richiederla

Come anticipato, in base alla normativa vigente, la targa di prova è valida per un solo veicolo ed è nominale. Ciò significa che la persona intestataria del permesso deve essere la stessa alla guida del veicolo sul quale viene apposta la placca provvisoria. In alcuni casi, tuttavia, il titolare dell’autorizzazione può delegare altri soggetti all’utilizzo del permesso e quindi alla guida del veicolo.

Si tratta, principalmente dei casi in cui la richiesta venga inoltrata a nome del titolare di un’autofficina, ad esempio, o di una concessionaria o di altre aziende appartenenti a questo settore. In tale circostanza, difficilmente sarà sempre il soggetto responsabile ad essere al volante dei veicoli in questioni e, a tale scopo, entra in gioco la delega, che permette di spostare, a favore di un dipendete o di un collaboratore, il permesso di guida di auto e moto.

Come ottenere la targa di prova

Per ottenerla, è sufficiente che il titolare compili e sottoscriva l’apposito modulo facilmente reperibile e scaricabile online. Sul modulo per la delega della targa di prova è necessario indicare i dati del delegante completi di nominativo giorno mese anno di nascita luogo di nascita luogo di residenza e il rimando ad un documento di identità in corso di validità. Allo stesso modo, sarà necessario indicare i riferimenti relativi al delegato e infine i dati del veicolo. Per fare si che il documento sia valido, è necessario che venga firmato dal delegante e che sia indicato il motivo di tale delega.

Nel momento in cui il delegato si mette alla guida del veicolo in questione, è necessario che, oltre alla documentazione relativa alla targa di prova, abbia con se anche la delega regolarmente firmata e compilata in tutti i sui campi. In caso contrario c’è il rischio di incorrere in sanzioni monetarie.

Ultima modifica: 27 ottobre 2019