Frenare sul bagnato, ecco i consigli dello specialista

1548 0
1548 0

Frenare sul bagnato, ecco i consigli di gommadiretto.it. La pioggia, le pozzanghere e il fondo stradale bagnato sono fattori che impattano sull’aderenza dei pneumatici con la superficie stradale e che potrebbero causare il fenomeno dell’aquaplaning.

Bisogna sempre calcolare un tempo di arresto maggiore, poiché il fondo stradale diventa scivoloso in caso di pioggia. Il consiglio è di raddoppiare la distanza di sicurezza e, addirittura, di moltiplicarla per dieci quando c’è il rischio che il fondo stradale sia ghiacciato.

Test di frenata sul bagnato da 80 a 0 km/h

Rosso

Con 8 mm (0.3 in) di profondità del battistrada
Distanza di arresto: 42,3 m (139 feet)

Grigio

Con 3 mm (0.12 in) di profondità del battistrada
Distanza di arresto: 51,8 m (170 feet)
Velocità di collisione: 34 km/h (21 mph)

Nero

Con 1,6 mm (0.06 in) di profondità del battistrada
Distanza di arresto: 60,9 m (200 feet)
Velocità di collisione: 44 km/h (27 mph)

Frenare sul bagnato, il controllo i pneumatici

Pressione dei pneumatici e profondità residua del battistrada influiscono sulla distanza di arresto in caso di fondo bagnato. Se i pneumatici sono troppo gonfi, o troppo sgonfi, potrebbero usurarsi in modo irregolare, con una conseguente aderenza non uniforme in frenata. Inoltre, una diminuzione della profondità del battistrada genera una maggiore difficoltà a smaltire l’acqua, con un conseguente rischio di aquaplaning.

Si si guida spesso in condizioni di bagnato, è da considerare l’eventualità di montare pneumatici da pioggia. Il battistrada di questi pneumatici è creato per disperdere velocemente l’acqua, mantenendo l’aderenza con il fondo stradale.

Frenare sul bagnato

Evitare l’aquaplaning

Mantenere una velocità ridotta e una distanza di sicurezza dal veicolo che ti precede contribuirà sicuramente a ridurre il rischio di incidenti. L’aquaplaning, però, rappresenta una minaccia anche in caso di guida a velocità ridotta. Se i pneumatici iniziano a perdere aderenza, bisogna rilasciare il pedale dell’acceleratore ed evitare di frenare o sterzare. Al contrario, bisogna premere la frizione o spostare il rapporto di trasmissione in posizione N, così da ridurre la velocità finché non hai acquisito nuovamente il pieno controllo del veicolo.

 

Ultima modifica: 26 aprile 2017