Foglio rosa: passeggeri e assicurazione

63658 0
63658 0

Foglio rosa, abilitazione per esercitarsi alla guida: il suo rilascio però comporta delle limitazioni ed il rispetto di determinate normative. Eccole

Foglio rosa è quel documento che consente, a tutti coloro in procinto di prendere la patente di tipo ‘B’, di esercitarsi alla guida. Si tratta, in sostanza, dell’autorizzazione amministrativa alla pratica in vista dell’esame definitivo per il conseguimento della licenza di guida.

Modalità di rilascio

Per il rilascio ci sono alcune limitazioni molto precise, regolamentate dall’art. 122 del Codice della Strada. Per ottenerlo, bisognerà presentare domanda per il conseguimento della patente B, avere 18 anni compiuti, o comunque i requisiti per poter guidare a 17 anni, e, soprattutto, aver superato l’esame di teoria per la patente di tipo ‘B’. Il foglio rosa ha una validità di 6 mesi, entro cui il candidato ha la facoltà, qualora venisse bocciato in prima istanza, di ripetere l’esame di pratica due volte: si può sostenere l’esame di pratica un mese dopo aver messo in tasca il foglio rosa. Se si viene bocciati due volte alla pratica, bisognerà ricominciare l’iter dall’inizio, rifare domanda e l’esame di teoria.

Limitazioni del foglio rosa

Con il foglio rosa non ci si può mettere alla guida da soli, ma corre l’obbligo di avere, al proprio fianco, una persona che sia in possesso di una patente valida (di tipo ‘B’ o categoria superiore), ottenuta da almeno 10 anni e che non abbia più di 65 anni compiuti di età. Questa persona viene riconosciuta come ‘istruttore‘. Prima di andare in strada, però, sarà necessario esporre, tanto sul retro dell’automobile nella parte destra del suo lunotto quanto davanti, sul parabrezza, sempre a destra, un cartoncino riportante la lettera ‘P‘ di ‘Principiante’. Qualora si venga sorpresi a guidare da soli, o si commettano violazioni al C.d.S., può essere revocato il foglio rosa.

Passeggeri e assicurazione

Anche in questo caso, la normativa del C.d.S. offre davvero poche scappatoie. Colui che guida in possesso del foglio rosa non può portare altri passeggeri sull’automobile, eccezion fatta per l’istruttore di cui sopra. Questo perché i passeggeri non sono coperti dalla polizza auto che si stipula nelle compagnie assicurative: qualora avvenga un incidente in cui eventuali passeggeri riportino danni, l’assicurazione, dopo aver risarcito, può esercitare il proprio diritto di rivalsa chiedendo, al conducente, la restituzione di quanto versato in precedenza. Più in generale, l’assicurazione copre i danni di eventuali sinistri, ma soltanto se sono state rispettate le norme del C.d.S, mentre non è tenuta a farlo nel caso di una polizza stipulata per ‘guida esperta’ o ‘guida esclusiva’.

Ultima modifica: 29 giugno 2017