finanziamenti: i nuovi incentivi per l’acquisto, noleggio o leasing

601 0
601 0

In materia di finanziamenti auto, andiamo ad esaminare quali sono i nuovi incentivi relativi all’acquisto, al noleggio o al leasing di un veicolo.

Per quanto riguarda l’acquisto dei veicoli, iniziamo con il dire che l’anno 2018, non è certamente un anno positivo per quanto riguarda gli incentivi di acquisto per la mobilità sostenibile. Se stai pensando di acquistare una nuova auto, magari ibrida, elettrica o alimentata a GPL o gas metano, non ci sono buone notizie per te. Se sei alla ricerca di incentivi statali per sostenere il tuo acquisto per una mobilità sostenibile, ne resterai inevitabilmente deluso. Nell’anno 2012, il governo aveva introdotto alcuni incentivi statali, attraverso il Decreto di Sviluppo n. 134/2012; detti incentivi erano atti a promuovere la mobilità sostenibile e consistevano in agevolazioni complessive.

Queste agevolazioni promosse dal governo nell’anno 2012, consistevano nell’investimento di 120 milioni di Euro, per coloro i quali, nel triennio 2013-2015, avrebbero deciso di acquistare un veicolo a basse emissioni complessive (Bec). Tale misura di incentivi, era rivolta, sia ai veicoli aziendali che a quelli ad uso privato. A seguito dell’esaurimento dei fondi di questo provvedimento, oggi nel 2018, non vi sono e non vi saranno più incentivi statali per l’acquisto di auto a basse emissioni. Gli unici incentivi relativi alla mobilità sostenibile, saranno oggi riconosciuti eventualmente, solo privatamente dalle case di produzione automobilistiche che producono e commercializzano i veicoli green.

L’unico provvedimento governativo ancora in essere, relativo ad incentivi per la mobilità sostenibile è il super ammortamento 2018; si tratta tuttavia di un provvedimento esclusivamente rivolto ai possessori di partita iva.

Formule più fruibili

Gli incentivi dedicati anche all’uso dei comuni cittadini di automobili ibride, elettriche, GPL o a gas metano, erano previsti dall’Articolo 17 Bis del Decreto Crescita; si trattava di una disposizione volta a favorire in Italia lo sviluppo della mobilità sostenibile, mediante il sostegno alla commercializzazione di vetture caratterizzate da basse emissioni complessive. Tuttavia, le somme che il governo aveva messo a disposizione per questo progetto, si sono esaurite prima dell’anno 2015.

Le modalità per ottenere incentivi e finanziamenti per l’acquisto, il renting o il leasing di un’automobile, riguardano oggi tendenzialmente solamente il settore privato. Molte concessionarie convenzionate dei principali marchi di produzione automobilistica, mettono a disposizione oggi alcune formule di finanziamento a tassi agevolati. Si tratta generalmente di contratti, attraverso i quali sarà possibile acquistare un veicolo, previo pagamento di un anticipo sul prezzo di vendita e una successiva rateizzazione mensile, fino al raggiungimento del pagamento dell’intero importo; ovviamente, all’importo del prezzo dell’automobile, con queste formule, viene aggiunto il tasso di interesse per la possibilità di usufruire del sistema di rateizzazione del pagamento.

Bisogna tuttavia segnalare che oggi alcune case di produzione automobilistiche, attraverso le concessionarie convenzionate, propongono formule di finanziamento più fruibili. Si tratta di contratti di finanziamento che non prevedono tassi di interesse e costi aggiuntivi al pagamento dell’importo relativo al costo del veicolo. Oltre alla concessionarie convenzionate con le case automobilistiche, sarà possibile richiedere un finanziamento per l’acquisto di un veicolo, presso comuni finanziarie o istituti di credito.

Opzioni

Ovviamente, indipendentemente dal fatto che decidiate di richiedere un finanziamento presso i servizi offerti dalla concessionaria o, in alternativa, presso una finanziaria o un istituto di credito esterno, vi verranno richieste alcune garanzie per la sottoscrizione del contratto. Le garanzie che vengono comunemente richieste per l’erogazione dei fondi di finanziamento previsti dai contratti, sono la sussistenza di un contratto lavorativo (spesso esclusivamente a tempo indeterminato) o la presenza di un garante, che entra come parte attiva nel contratto, assumendosi il rischio del pagamento dell’importo della rata mensile, qualora la parte contrattuale deputata al pagamento, rimarrà inadempiente.

Sempre in tema di contratti di finanziamento, vogliamo precisare che oggi esistono alcune formule previste da certi istituti di credito, rivolte esclusivamente ai giovani; in questi contratti, le garanzie richieste saranno inferiori, con un assunzione maggiore del rischio da parte dell’istituto di credito o della finanziaria; tuttavia in questi casi, gli importi erogati da detti istituti saranno decisamente più limitati, se paragonati agli altri classici contratti di finanziamento; le cifre erogata potranno andare da un minimo di 500 Euro, fino a raggiungere i 15.000 Euro.

Oltre alle formule di finanziamento per l’acquisto di un veicolo, esistono altre forme contrattuali per usufruire di un veicolo. Il contratto di leasing è ancora oggi una formula di contratto molto diffusa. Il leasing è un contratto applicato anche al mondo delle automobili; in questo accordo, un soggetto definito utilizzatore, andrà a servirsi e ad utilizzare un veicolo, il quale gli verrà concesso dal proprietario, dietro il pagamento di rate mensili per tutta la durata del contratto. Al termine del contratto, l’utilizzatore potrà scegliere se riscattare il veicolo con il pagamento di una rata finale, o in alternativa procedere alla sostituzione del mezzo con un veicolo più nuovo.

Un’altra formula contrattuale che recentemente si è diffusa anche in Europa (uno dei contratti più diffusi negli Stati Uniti, relativo all’utilizzo dei veicoli) è il contratto di renting. Si tratta di un contratto che in pratica rappresenta nient’altro che un noleggio vero e proprio del veicolo che si utilizza; l’utilizzatore andrà a pagare al proprietario del veicolo, un canone mensile, grazie al quale potrà utilizzare il veicolo. Queste formule contrattuali spesso prevedono, previo pagamento di un canone mensile prestabilito, alcuni servizi accessori. Detti servizi riguarderanno ad esempio la copertura assicurativa Rc o in alternativa kasco, la manutenzione ordinaria del veicolo e il pagamento dei tagliandi e talvolta anche il servizio di assistenza stradale e sostituzione del veicolo, in caso di malfunzionamento o guasto.

Chi può usufruirne

 

Indipendentemente dalla formula contrattuale relativa all’acquisto o all’utilizzo di un veicolo (finanziamento finalizzato all’acquisto, contratto di leasing, contratto di renting, ecc.) è evidente che potranno beneficiare di tali forme contrattuali, i soggetti in grado di fornire della garanzie all’altra parte contrattuale o all’istituto di credito o finanziaria. Le garanzie che vengono normalmente richieste per la sottoscrizione di detti contratti, sono ad esempio la produzione di un contratto di lavoro a tempo indeterminato (nel caso di lavoro subordinato), o di una dichiarazione dei redditi (nel caso di un lavoro professionale o imprenditoriale). Talvolta è inoltre richiesta la presenza di una figura di garante del contratto.

Ultima modifica: 12 aprile 2018