Come far addormentare i bambini in auto

1069 0
1069 0

Gli spostamenti dei bambini in auto, nella vita quotidiana della stragrande maggioranza delle famiglie, sono una necessità di cui, semplicemente, non si può fare a meno. Raggiungere l’ufficio in cui si lavora, andare in giro per la città nello svolgimento delle commissioni più varie, portare i figli a scuola, dai nonni e così via.

Con l’arrivo dell’estate, inoltre, è tempo di vacanze, e sono sempre moltissimi gli italiani che ancora optano per il viaggio in macchina: una scelta che, nonostante i rischi del traffico dei mesi estivi, rimane tra le più pratiche ed economiche.

Per i bambini, però, il trasporto nello spazio ristretto e limitante di un abitacolo può risultare particolarmente stressante; e, si sa, dei bambini agitati o annoiati non sono la compagnia migliore per un viaggio tranquillo e sicuro (non solo per chi guida), tanto più nell’eventualità che si debbano percorrere lunghi tragitti come quando si va in vacanza.

La soluzione migliore in casi come questi è la buona vecchia “nanna”. Se i bambini riescono ad addormentarsi a beneficiarne è tutta la famiglia in viaggio, non soltanto loro. Quando il bambino dorme, riposa, non si spazientisce, e anche quando si sveglia è naturalmente più quieto e gestibile, con tanto di guadagnato per la calma e la concentrazione di chi guida.

D’altra parte se l’andamento dell’auto può avere l’effetto di un buon coadiuvante, che agevola il sonno del bambino, questo deve poter avvenire in condizioni di comodità e sicurezza. Per i più piccoli è quindi indispensabile l’uso di seggiolini adatti, che gli evitino scossoni eccessivi assicurandolo in modo stabile ai sedili. Ricordiamo a questo proposito che l’utilizzo di seggiolini specifici per il trasporto dei bambini in auto è anche imposto come obbligatorio dalla legge, che ne stabilisce inoltre le diverse categorie in base all’età e al peso del bambino.

Il problema rimane per i bambini più grandi, che devono stare sui sedili dell’auto: per loro la questione comodità sembra decisamente più difficile da risolvere. Una buona soluzione può essere quella di attrezzarsi con cuscini gonfiabili che permettono almeno di poggiare comodamente la testa, favorendo così la possibilità che anche loro riescano ad abbandonarsi al sonno. Ultimamente esistono in commercio anche dei pratici cuscini per cintura. Si tratta di un morbido rivestimento che si aggancia alla cintura di sicurezza: in questo modo il bambino può poggiare la testa sulla cintura, restando comodo oltre che sicuro.

Ultima modifica: 9 agosto 2018