Esame patente auto: consigli per la prova di teoria

1901 0
1901 0

La prova di teoria è sempre quella che spaventa di più quando si deve affrontare l’esame per la patente auto. Soprattutto i ragazzi di 18 anni non vedono l’ora di essere liberi di guidare e avere poi la loro prima macchina, quindi guardano all’esame di pratica con molto più ottimismo e attesa positiva rispetto a quello di teoria, visto invece come il maggior ostacolo da superare.  Anche le persone adulte che scelgono di prendere la patente sono spesso preoccupate dall’esame di teoria, ma in realtà la
calma è la migliore alleata.

ESAME DA PRIVATISTI O CON SCUOLA GUIDA?

Esistono due modi di affrontare l’esame per la patente: da privatisti o tramite la scuola guida. Di certo affrontarlo da privatisti permette di risparmiare un po’ di soldi, ma se non ci si sente molto sicuri di sé forse è meglio rivolgersi a una scuola guida, dal momento che così si ha a disposizione una persona che spieghi nel dettaglio i possibili trucchi dell’esame di teoria e possa dare consigli utili a superarlo. Se si sceglie di affrontare questo esame da privatisti è importante studiare molto attentamente le materie d’esame e soprattutto effettuare varie simulazioni per capire meglio cosa ci aspetta il giorno dell’esame e non rischiare di farsi prendere alla sprovvista.

COSA ASPETTARSI DALL’ESAME

Spesso si sentono persone che si lamentano di non aver passato l’esame per la patente a causa di domande poste in modo poco chiaro e che sembravano fatte apposta per mettere in difficoltà il candidato e bisogna ammettere che è proprio così. Infatti, molte domande dell’esame di teoria sono poste in modo da trarre in inganno, usando termini simili ma con significati leggermente
diversi, doppie negazioni e addirittura termini errati che ricordano parole corrette. Tutto questo serve a valutare la calma e l’attenzione del candidato, ma rischia di costringere a ripetere l’esame. Il modo migliore per affrontare questo problema è studiare con molta cura i manuali e soprattutto fare moltissime simulazioni dell’esame per la patente auto, facilmente reperibili su vari supporti; esistono manuali cartacei, siti internet dedicati e app che simulano l’esame. Gli errori concessi sono solo quattro e le domande non risposte contano errore, quindi meglio rispondere anche se non si è sicuri e sperare in un po’ di fortuna. Inoltre, spesso questi quiz di prova usano domande reali, quindi ci si potrebbe trovare di fronte una domanda già svolta.

Ultima modifica: 19 febbraio 2019