Distrazioni alla guida: come evitarle con il passeggero

1462 0
1462 0

Sono i fattori principali che causano incidenti stradali. Le distrazioni alla guida, che siate soli in auto o che vi accompagniate a qualcuno possono essere un serio problema, soprattutto per chi non è in grado di reagire tempestivamente e nello spazio di pochi secondi.

L’uso del cellulare alla guida è sicuramente il fattore di rischio principale, così come leggere il giornale quando si è in coda, o addirittura aggiustare il trucco. Anche soffermarsi su cartelloni pubblicitari o su qualche aspetto del paesaggio circostante può far calare la concentrazione. Il men che possa capitare è sicuramente un tamponamento. Ed è anche l’incidente più semplice da evitare. E non è detto che le distrazioni alla guida siano sempre possibili quando si è da soli in auto, anche la presenza di uno o più passeggeri può facilitare un calo di concentrazione. Il motivo più frequente è senza dubbio la conversazione.

La conversazione favorisce le distrazioni alla guida

Che si viaggi in compagnia per dovere o per piacere, poco cambia: il tempo in auto, soprattutto per un viaggio lungo o per un blocco del traffico stimola la conversazione e la naturale propensione a guardare negli occhi l’interlocutore, specie se si è incolonnati nel traffico, può portare conseguenze poco piacevoli. E allora meglio volgere a proprio favore certe situazioni.

Un passeggero in auto, a meno che non si tratti di un bambino, può avere i suoi vantaggi. Meglio stabilire le regole del viaggio con chiarezza prima di mettersi in moto. Conversare va bene, ma solo se gli argomenti non scatenino tensioni. Nel caso in cui la chiacchierata dovesse assumere toni particolarmente accesi, meglio accostare qualche minuto e concludere il capitolo.

Il passeggero potrà rendersi ben utile se si occupa di rispondere a eventuali telefonate o messaggi rivolti a chi guida. Che controlli anche il percorso, per evitare all’autista distrazioni con il navigatore. Chi siede accanto può anche preoccuparsi degli altri passeggeri, soprattutto se si tratta di bambini, o verificare che oggetti sistemati nell’abitacolo non si spostino inavvertitamente.

Bambini in auto, distrazioni sicure

Nel caso in cui si viaggi con bambini, assicurarsi prima di partire che indossino le cinture di sicurezza e che alla loro portata non ci siano oggetti pericolosi. Per evitare che la noia di un viaggio li induca a comportamenti pericolosi, meglio attrezzarsi con le loro canzoncine preferite o con un film di animazione che li tenga loro impegnati e chi guida tranquillo per un po’.

Ultima modifica: 20 settembre 2018