Data di scadenza del casco: dove è riportata

880 0
880 0

Anche i caschi scadono, e non solo quelli di banane. Ironie a parte, se abbiamo una motocicletta o uno scooter dobbiamo tenere presenti le norme che regolano il possesso e l’utilizzo di questo fondamentale dispositivo di sicurezza. Ma non tutti, anche tra i biker più navigati, saprebbero indicare immediatamente dove è riportata la data di scadenza del casco. Scoprilo insieme a noi.

Il codice di conformità: verificare sempre

Tutti i caschi, per essere regolarmente in commercio, devono essere omologati con una sigla di conformità indicata dalle iniziali CE (conformità alle norme europee) e un codice identificativo che viene rilasciato dopo l’omologazione dal Ministero dei Trasporti. Tale codice per l’Italia è E3. Quando si acquista un casco dunque dobbiamo fare molta attenzione al rispetto di tale requisito, importante sia per la nostra sicurezza, sia per non incorrere in costose conseguenze.

Viaggiare in moto senza un casco regolarmente omologato e riconosciuto, infatti, comporta una sanzione e il fermo del mezzo. In genere effettuare acquisti in negozi specializzati e autorizzati mette al riparo da spiacevoli sorprese. Meglio comunque non dare mai nulla per scontato e controllare.

La scadenza di un casco: cos’è e dove cercarla

Trattandosi di un supporto vitale a tutela della sicurezza, i caschi omologati vengono sottoposti a rigidi protocolli per verificarne resistenza, compattezza, vestibilità. In base al test si stabilisce anche quale sarà il ciclo di vita del copricapo, sempre che lo stesso non abbia subito particolari danneggiamenti da trauma o per la esposizione a intemperie. Si parla dunque di scadenza nel senso di durata ottimale individuata dopo una approfondita e certificata azione di controllo.

Non sempre tale indicazione rappresenta una certezza, nel senso che su tutto deve sempre prevalere il buon senso: un casco incidentato sarà da cambiare anche dopo un giorno di vita, uno lasciato nella scatola per cinque anni potrebbe assolvere ancora al meglio la propria funzione. Ma in condizioni di utilizzo assiduo, è assolutamente consigliabile rispettare la data che ci viene fornita dal produttore e provvedere alla sostituzione anche se il dispositivo non presenta segni visibili di usura.

Dove è riportata la data di scadenza

Ed eccoci arrivati al punto chiave: dove è riportata la data di scadenza del nostro casco da moto? Salvo casi particolari, sono due i punti nei quali andare a cercare l’importante riferimento di durata: la scatola di alloggiamento che vi consegnerà il rivenditore e l’etichetta interna. Quest’ultima in particolare va tenuta d’occhio con attenzione in quanto generalmente molti motociclisti gettano o smarriscono il contenitore consegnato loro all’acquisto. Un’etichetta invece è per sempre. Ispezionate il vostro casco per trovarla, sicuramente ci sarà se il produttore è qualificato. E’ frequente la scelta delle case di inserire la data sulla parte interna del cinturino che assicura il casco alla testa, all’altezza del mento.

Ultima modifica: 31 dicembre 2020