Cosa sono le auto plug-in

322 0
322 0

Le auto ibride sono veicoli che abbinano al motore termico una batteria. Queste auto sono classificabili in tre sottocategorie a seconda della loro grandezza e del sistema di trasmissione equipaggiato: “mild”, “full” e “plug-in”. Di seguito si parlerà in particolar modo delle ibride plug-in.

Cosa sono le auto plug-in hybrid

Ciò che distingue le plug-in dalle “full hybrid” e dalle auto elettriche è la capienza della batteria: più grande di un’ibrida e più piccola di un’elettrica.

La cubatura della pila di una vettura plug-insi aggira spesso tra gli 11 e i 16 kWh. Tradotto in percorrenze significa viaggiare a zero emissioni per 50-70 km. Le auto ibride plug-in hanno due sportelli, uno per lato, per gestire separatamente le due alimentazioni.

Dal punto di vista dei vantaggi fiscali, le ibride plug-in essendo auto elettrificate godono degli ecoincentivi governativi (sia statali che regionali, fascia di emissioni 21-60 g/km) e inoltre sfuggono alle limitazioni circolanti quali ZTL e blocchi del traffico. Le cifre del risparmio a livello nazionale vanno dai 3.500€ ai 6.500€ in caso di rottamazione.

Funzionamento plug-in hybrid

Anche l’automobile plug-in va guidata puntando al massimo risparmio di carburante e alla massima efficienza possibile. Pensare di utilizzare l’auto plug-in solo come ibrida o elettrica non è affatto consigliabile e conveniente. Le ibride plug-in, infatti, sono più care sia delle ibride (“mild” e “full”) che delle elettriche.

La presenza di un accumulatore aumenta il peso complessivo dell’auto, tuttavia la maggiore potenza complessiva sopperisce al carico aggiuntivo. Come per le elettriche anche le ibride plug-in sono auto che puntano più sul comfort che sulla sportività. Le auto plug-in sono perfette per la guida in città.

Sotto il profilo ingegneristico, le auto ibride plug-in ricalcano la struttura delle sorelle “full”: un motore termico a cui si abbinano uno o più motori elettrici. La trazione della vettura sarà determinata in base alla posizione assunta da ciascun componente.

La batteria della plug-in si ricarica durante le fasi di rilascio dell’acceleratore (la cosiddetta “frenata rigenerativa”). Questo sistema non è però sufficiente e perciò le ibride plug-in si alimentano anche dalle colonnine di ricarica.

Il mercato delle auto plug-in hybrid

La crescita del mercato delle plug-in è sovrapponibile a quella delle auto elettriche. Il loro principale vantaggio è senza dubbio la non-dipendenza dalle colonnine pubbliche, ancora poco diffuse lungo lo Stivale. Per contro il costo molto elevato non così detraibile grazie agli ecobonus inibisce parecchi potenziali acquirenti.

Ultima modifica: 18 agosto 2022