Tutto quello che c’è da sapere sulla musica in auto

485 0
485 0

Quando ci si trova a percorrere lunghe e brevi distanze, ascoltare la musica in auto è uno dei modi migliori per intrattenersi. Rimanere in totale silenzio, quando ci si trova a guidare un veicolo, è ormai una pratica poco diffusa, in particolare perché ascoltare i nostri brani preferiti ci dà la sensazione di tenerci continuamente attivi e svegli. Tuttavia, è da molto che si discute sulla sicurezza dell’ascolto della musica in auto e, pertanto, cerchiamo di capire se si tratta di un’attività potenzialmente pericolosa oppure di una pratica che influenza positivamente l’automobilista in viaggio.

Ascoltare la musica in auto è pericoloso?

Il tempo trascorso alla guida dei veicoli è sensibilmente aumentato rispetto agli anni passati e, in questo contesto, accendere la radio e ascoltare le playlist musicali preferite gli amplificatori della macchina permette di ingannare il tempo trascorso nel traffico o sull’autostrada in partenza per un lungo viaggio.

Tuttavia, quando ci mettiamo alla guida, sono già tante le cose su cui prestare attenzione: la strada, i pedoni e le altre auto. Dunque, ascoltare la musica è davvero un pericolo o una minaccia alla sicurezza di noi stessi e degli altri? In realtà, intrattenersi mediante l’ascolto di determinati generi musicali comporta benefici straordinari in termini di attenzione e concentrazione alla guida. Questa affermazione, però, non è valida per alcune tipologie di musica che, al contrario, può aumentare l’agitazione dell’automobilista in pochi minuti.

Stando a quanto detto, ascoltare la musica in auto non è pericoloso, anzi favorisce il miglioramento dell’umore di chi guida il veicolo e consente di tenerlo vigile e pronto agli imprevisti. Dal momento che la musica ha un impatto concreto sul nostro umore, la scelta della musica perfetta per la guida deve ricadere su canzoni tranquille e positive, preferibili rispetto ad un sound più aggressivo o addirittura triste.

Musica a tutto volume in auto: cosa dice la legge

Ascoltare musica in auto, dunque, è una pratica da considerare positiva. Tuttavia, ci sono delle circostanze ritenute rischiose e disciplinate dal Codice della Strada, in particolare quando si tratta del volume dello stereo dell’auto.

Secondo le norme in vigore, gli apparecchi per l’ascolto della musica nei veicoli deve rimanere al di sotto dei 60L/Aeq dB (A), in modo da permettere all’automobilista di ascoltare rumori utili come le sirene di ambulanze e, più in generale, per evitare il disturbo della quiete pubblica. Non rispettare questa regola può comportare il sequestro dell’impianto audio (in particolare se “truccato”) e al pagamento di una multa piuttosto salata.

Ultima modifica: 27 luglio 2022