Cosa fare in caso di incidente

468 0
468 0

Una guida attenta e sicura è un principio fondamentale che qualsiasi automobilista deve rispettare, poiché prestare attenzione a tutto ciò che ci circonda mentre siamo al volante riduce notevolmente i rischi di sinistri stradali. Un incidente in auto, se lieve, causa solo spavento e danni alla vettura, tuttavia ci sono anche dei casi più gravi in cui la distrazione delle persone può provocare feriti e, per questo motivo, bisogna sapere come agire.

Dopo l’incidente: come comportarsi

Quando si viene coinvolti in un incidente stradale la prima cosa da fare è verificare che non ci siano feriti, perché, in questo caso, occorre chiamare immediatamente i soccorsi. Dopo aver controllato, bisogna denunciare il sinistro alla propria compagnia di assicurazione entro 3 giorni dall’avvenimento.

Attivando la procedura di indennizzo diretto, la persona che è stata danneggiata e ha ragione può fare una richiesta di risarcimento danni per incidente stradale alla propria compagnia assicurativa, che si avvale di quella del conducente del veicolo responsabile di aver provocato l’incidente.

In questo caso il requisito obbligatorio e necessario è che lo scontro sia avvenuto tra due veicoli immatricolati e assicurati in Italia e che i conducenti non abbiano riportato lesioni fisiche gravi.

In caso di sinistri in cui ci sono solo danni a cose e non a persone bisogna segnalare il nome di eventuali testimoni presenti sul luogo dell’incidente nella denuncia.Tuttavia, qualora i testimoni non venissero indicati subito, la compagnia deve chiedere i loro nomi con una raccomandata, entro 60 giorni dalla denuncia.

Per calcolare i danni causati al veicolo danneggiato vengono prese in considerazione tutte le spese necessarie per poter riparare il mezzo. In linea generale, per il risarcimento di un incidente stradale vengono analizzate tutte le fatture utili alla riparazione e il preventivo della carrozzeria.

Incidenti con feriti

Quanto detto sopra vale in caso di sinistri stradali in cui non sono presenti dei feriti, tuttavia la situazione cambia qualora delle persone venissero danneggiate. In questi casi bisogna mettere in sicurezza il luogo dell’incidente e chiamare immediatamente l’ambulanza, in modo che possa intervenire il prima possibile. Occorre sottolineare che in caso di ferite non gravi può rivelarsi utile intervenire con delle manovre di primo soccorso, necessarie ad aiutare la persona ferita.

In generale, in caso di incidenti stradali con feriti, la Legge obbliga il responsabile a non allontanarsi dal luogo prima dell’arrivo delle Forze dell’Ordine e chi non dovesse rispettare questo obbligo rischia la reclusione da 6 mesi a 3 anni e la sospensione della patente da 1 a 3 anni. Oltre a questo, anche l’omissione di soccorso ha come conseguenza la reclusione da 1 a 3 anni e la sospensione della patente da 18 mesi a 5 anni.

Quando le Forze dell’Ordine arrivano sul luogo dell’incidente devono ricostruire la dinamica dell’evento per accertarsi della violazione del Codice della Strada e prendere i dati delle persone coinvolte, ovvero targhe e documenti necessari per redigere il verbale.

Ultima modifica: 4 marzo 2022